Il tuo browser non supporta JavaScript!

Bruno Zevi intellettuale di confine. L'esilio e la guerra fredda culturale italiana 1938-1950

Bruno Zevi intellettuale di confine. L'esilio e la guerra fredda culturale italiana 1938-1950
titolo Bruno Zevi intellettuale di confine. L'esilio e la guerra fredda culturale italiana 1938-1950
curatore
argomento Storia, Religione e Filosofia Storia
collana I libri di Viella, 334
editore Viella
formato Libro
pagine 188
pubblicazione 2019
ISBN 9788833132105
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
26,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
Architetto, urbanista, storico e critico di architettura, membro del movimento clandestino Giustizia e Libertà, del Partito d'Azione, di Unità popolare, infine del Partito radicale, docente universitario: la ricca biografia intellettuale e professionale di Bruno Zevi (1918-2000) si snoda lungo tutto il Novecento con un'impronta netta e originale, e un preciso punto di partenza, il 1938. A seguito delle leggi razziali, infatti, Zevi si trasferisce a Londra e, dal 1940, negli Stati Uniti, dove dirige i «Quaderni Italiani » - continuazione dei «Quaderni di Giustizia e Libertà» diretti a Parigi da Carlo Rosselli - e si laurea alla Harvard University. La sua attività prende dunque le mosse all'interno della comunità degli esuli italiani e delle organizzazioni antifasciste negli Usa, in stretta relazione con la diplomazia culturale americana. Nuove domande storiografiche e recenti acquisizioni archivistiche ci consentono, attraverso le vicende di uno dei suoi protagonisti, di mettere in luce aspetti finora sconosciuti dell'emigrazione intellettuale italiana in Usa e dell'avvio della guerra fredda culturale.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.