Il tuo browser non supporta JavaScript!

Le imprese del patriarca. Mercato, denaro e relazioni umane nel libro della Genesi

Le imprese del patriarca. Mercato, denaro e relazioni umane nel libro della Genesi
titolo Le imprese del patriarca. Mercato, denaro e relazioni umane nel libro della Genesi
autore
argomenti Storia, Religione e Filosofia Religione
Adozioni Corsi di Teologia
collana Lapislazzuli
editore Edb
formato Libro
pagine 192
pubblicazione 2015
ISBN 9788810558393
 

Scegli la libreria

16,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Il primo angelo della Bibbia viene inviato a consolare una serva, Agar, cacciata dalla sua padrona. La prima volta che compare la parola "mercato" è quando Abramo compra dagli Ittiti una tomba per la moglie Sara. Il "profitto" fa il suo esordio nell'episodio in cui Giuseppe viene venduto dai fratelli. E il primo riferimento a un salario riguarda Giacobbe, che lavora sette anni per avere in sposa Rachele "bella di aspetto", ma sarà ingannato e dovrà prima sposare la sorella Lia "dagli occhi smorti". Il libro della Genesi, con cui si apre la Bibbia degli ebrei e dei cristiani, è un testo sorprendente per chi cerca nuove parole e nuove riflessioni da affidare all'economia di oggi, che ha impoverito i beni soffocandoli con le merci e ha tolto dall'orizzonte tutto ciò che non è in vendita. Le prassi contrattuali dell'antica cultura mediorientale, le cui tracce non sono del tutto scomparse dai suq di Damasco o di Teheran, ci ricordano che gli scambi economici sono primariamente incontri tra persone. Che il denaro e il profitto confinano con l'amore e la vita, ma anche con l'odio e la morte. Che la terra promessa va amata e arricchita, ma non occupata, perché la si abita provvisoriamente, ma non la si possiede. E, infine, che le imprese - siano esse avventure, sogni o concretissime aziende possono risultare vane e ingannevoli, ma anche responsabili e pregevoli.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.