Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Gianfranco Contini. Il «midollo» della linguistica, la filologia «costruttiva» e «valutativa», l'espressionismo linguistico-letterario, da Bonvesin da la Riva ad Albino Pierro

Gianfranco Contini. Il «midollo» della linguistica, la filologia «costruttiva» e «valutativa», l'espressionismo linguistico-letterario, da Bonvesin da la Riva ad Albino Pierro
titolo Gianfranco Contini. Il «midollo» della linguistica, la filologia «costruttiva» e «valutativa», l'espressionismo linguistico-letterario, da Bonvesin da la Riva ad Albino Pierro
Autore
Argomento Letteratura e Arte Letteratura e Linguistica
Collana Strumenti Di Letteratura Italiana, 117
Editore Cesati
Formato
libro Libro
Pagine 310
Pubblicazione 2023
ISBN 9791254960844
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
32,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Il volume è centrato sulla linguistica e sul suo valore in Contini: attività e gnoseologia d'indagine sui testi degli autori, fondamento di ogni tipologia di approccio a un dettato testuale. Linguistica, e si vorrebbe dire glottologia, nelle sue radici gallo-romanze e cosmopolite, internazionali e dialettali. Al «midollo della linguistica» come «midollo del leone» fa riscontro la coscienza della relatività degli approdi ecdotici (invito alla ricchezza di apparato, alla 'critique des formes'), delle ipotesi "stemmatiche", e quindi la concezione dinamica della variantistica d'autore. Proprio il "vettore" della linguistica informa l'interesse per la linea espressionistica, da Dante a un Gadda attento al Caravaggio di Manzoni, in una "catena" critica che ha il suo vertice in Roberto Longhi e nella valorizzazione di una cifra romanzesca barocca e polifonica, a livello europeo. Determinante, e necessaria linea d'ulteriori studî, è quella formazione rosminiana, piemontese-pavese, che, oltre alla rigorosa etica del lavoro, si sviluppa come apertura alla responsabilità civile, alla scrittura come "resistenza etica", all'«ascèse quotidienne» dell'«auscultazione», dell'«abnegazione», dell'«esercizio», «esperienza trascendentale» di pensiero politico e d'impegno di studî. Ricorrono in queste pagine, oltre ai nomi di Bonvesin da la Riva, Dante, Petrarca, Ariosto, Leopardi, Mallarmé, Valéry, Claudel, Proust, Bacchelli, Pavese, Pierro, e di altri, i nomi di molti grandi intellettuali europei del Novecento: tra gli altri, Serra, Croce, Santorre Debenedetti, Bédier, Albert Henry, Boine, Morra di Lavriano, Capitini, Spitzer, Devoto, Spongano, Dionisotti, Caretti.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.