Il tuo browser non supporta JavaScript!

Slow journalism. Chi ha ucciso il giornalismo?

Slow journalism. Chi ha ucciso il giornalismo?
titolo Slow journalism. Chi ha ucciso il giornalismo?
Autori ,
Argomenti Scienze Umane Comunicazione
Adozioni Lettere e Filosofia
Collana Documenti, 90
Editore Fandango Libri
Formato Libro
Pagine 246
Pubblicazione 2019
ISBN 9788860445971
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
17,50
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Quale è stato il momento in cui si è spezzato il rapporto di fiducia fra i cittadini e i media? Come sono fatti i contratti giornalistici? Quanto viene pagato un giornalista oggi? E per fare cosa? Uno dei problemi dell'informazione oggi è l'ossessione per la quantità e per la velocità, la convinzione che il giornalismo debba competere con i social. Un altro modello di business: tanta attenzione per gli inserzionisti pubblicitari, poca per i lettori. Il mantra del "fare tanti click sul sito", la monetizzazione a ogni costo con la pubblicità, la convinzione che nessuno sia disposto a pagare per il giornalismo digitale hanno contribuito a erodere gli spazi di crescita. A partire da queste considerazioni e guardando, fra l'altro, alla lezione del professor Peter Laufer, autore di "Slow News - Manifesto per un consumo critico dell'informazione", e a esperienze locali, nazionali e internazionali, questo libro fa un tentativo: quello di andare oltre la semplice critica. "Slow Journalism" cerca di proporre soluzioni. Daniele Nalbone e Alberto Puliafito hanno una lunga esperienza nel giornalismo tradizionale e soprattutto in quello digitale, condividono una visione del mestiere - e forse anche del modo in cui ci si dovrebbe approcciare al lavoro e alla vita - che li ha portati a indagare su questo tema.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.