Il tuo browser non supporta JavaScript!

La città divisa. Le parti e il bene comune da Dante a Guicciardini

La città divisa. Le parti e il bene comune da Dante a Guicciardini
titolo La città divisa. Le parti e il bene comune da Dante a Guicciardini
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Storia
Collana Collezione di testi e di studi
Editore Il mulino
Formato Libro
Pagine 620
Pubblicazione 2003
ISBN 9788815093745
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
35,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
A partire da alcune premesse medievali, il libro affronta l'imponente attività svolta nel XV secolo dagli ordini religiosi e specialmente dai Francescani osservanti, allo scopo di arginare la violenza endemica nella vita cittadina. Mentre novellieri e umanisti offrono un'immagine satirica o critica dell'intraprendenza dei frati, Machiavelli riprende la questione delle lotte faziose, interpretandole in modo nuovo, e Guicciardini, attentissimo alle ragioni del bene comune, emerge, nella crisi italiana culminata nel Sacco di Roma del 1527, come l'interprete critico delle mistificazioni, capace di lucide analisi razionali, ispirato a un alto senso della dignità e dell'onore.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.