Sociologia a Trento. 1961-1967: una «scienza nuova» per modernizzare l'arretratezza italiana

Sociologia a Trento. 1961-1967: una «scienza nuova» per modernizzare l'arretratezza italiana
Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
19,00
 
Il libro ricostruisce la nascita della facoltà di sociologia di Trento, prima facoltà di sociologia in Italia e punto di riferimento per la contestazione studentesca del '68. Cercando di comprendere le ragioni che portarono un provincia povera e depressa come quella trentina a intuire la necessità di una facoltà così innovativa, l'autore ricostruisce il difficoltoso iter legislativo che ne derivò (in Consiglio provinciale e in Parlamento) e le risolute contese politiche e culturali che si manifestarono. Attraverso numerosi documenti inediti, Giovanni Agostini tratteggia in queste pagine gli atteggiamenti e le posizioni di importanti personalità politiche e accademiche dell'epoca: da Bruno Kessler, che si impegnò strenuamente nell'impresa di dare vita alla facoltà, a Tristano Codignola, Flaminio Piccoli, Gianfranco Miglio e altri ancora.