Il tuo browser non supporta JavaScript!

Tristezza dello storico. Possibilità e limiti della storiografia

Tristezza dello storico. Possibilità e limiti della storiografia
titolo Tristezza dello storico. Possibilità e limiti della storiografia
Autore
Curatore
Traduttore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Storia
Collana Il Pellicano Rosso. Nuova serie, 285
Editore Morcelliana
Formato Libro
Pagine 96
Pubblicazione 2018
Numero edizione 2
ISBN 9788837232412
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
10,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
Nel 1939, sotto lo pseudonimo di Henri Davenson, Marrou pubblica su «Esprit» il saggio "Tristezza dello storico". L'anno prima aveva pubblicato il suo primo libro, destinato a diventare un classico della storiografia del '900, "Sant'Agostino e la fine della cultura antica". Perché questo titolo enigmatico, o meglio, paradossale? Prendendo spunto da un libro di Raymond Aron ("Introduction à la Philosophie de l'Histoire", 1938), Marrou traccia qui una sorta di discorso sul metodo storiografico: il nesso teoria/fatti, interpretazione/documenti, metafisica/sapere positivo... Un discorso che si conclude, al di là delle illusioni positivistiche, con il riconoscimento che «lo storico non può eliminare una soggettivià essenziale... lo storico è un uomo che riflette sul passato degli uomini, sul suo passato». In pagine brillanti, non solo Marrou conduce al cuore dell'impresa storiografica, ma tracciandone le possibilità e i limiti, mette a capo sorprendenti riflessioni che anticipano il suo libro forse più celebre, La conoscenza storica - quasi che "Tristezza dello storico" ne fosse la cellula originaria.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.