Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

A ciascuno il suo Marx. Le disavventure della dialettica

A ciascuno il suo Marx. Le disavventure della dialettica
titolo A ciascuno il suo Marx. Le disavventure della dialettica
Autore
Traduttore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Filosofia
Collana Linee
Editore Meltemi
Formato
libro Libro
Pagine 120
Pubblicazione 2024
ISBN 9788855199599
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
12,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Decano e casseur dell'antropologia, Jean-Loup Amselle si concede un libro di memorie sugli intellettuali impegnati politicamente della propria generazione e su quella stagione francese delle scienze sociali che ha brillato per la sua portata radicale. Uno scritto in parte di ricordi, quindi, ma quel tanto che basta per guardare al presente e provare a capire l'attuale situazione di impasse. Che ne è, infatti, dell'idea di cambiare il mondo? Per Amselle, la sinistra si trova in un lungo vicolo cieco, non solo per la confusione che la domina e per i passaggi a destra di tanti intellettuali, ma anche e soprattutto per via di un dominio mediatico che fabbrica intellettuali-manichini pronti per una sfilata di idee prive di ancoraggio alla realtà storica e sociale. L'auspicio è allora che ciascuno faccia proprio il pensiero di Marx, che ognuno abbia il proprio Marx, perché non si tratta di scoprire il vero Marx o quale scuola di interpreti possa accreditarsi come ortodossa. Il marxismo - per riprendere l'immagine di Foucault e di Deleuze - è una "cassetta degli attrezzi", un sistema di riferimento dal quale attingere per analizzare una situazione data e per darsi dei mezzi di uscita. Il pensiero di Marx deve pertanto essere uno strumento di emancipazione, il contrario cioè di un dogma intangibile.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.