Il tuo browser non supporta JavaScript!

Libertà di cultura. Meno Stato e più comunità per arte e ricerca

Libertà di cultura. Meno Stato e più comunità per arte e ricerca
titolo Libertà di cultura. Meno Stato e più comunità per arte e ricerca
Autore
Argomento Scienze Umane Sociologia
Collana Problemi aperti
Editore Rubbettino
Formato Libro
Pagine 157
Pubblicazione 2013
ISBN 9788849838695
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
10,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
Per far rinascere la cultura e la ricerca in Italia occorre un cambiamento radicale che dia centralità alla persona e alle libere comunità che nascono nei territori. Nessun museo, biblioteca, archivio, festival o università deve essere preservato senza che siano gli individui e le comunità a volerlo. La cultura infatti non è un obbligo o un diritto, ma un desiderio. Un museo come gli Uffizi può essere domani trasformato o chiuso, e le sue opere disperse, se così vorranno gli individui e le comunità. Il peso dello Stato deve pian piano regredire e permettere che le comunità si riapproprino dei loro patrimoni e territori e trasformino le loro culture come meglio credono, senza che vi sia un supervisore superiore che ne orienti le scelte con divieti o appoggi. Per far questo occorre un cambiamento della Costituzione e delle leggi, l'abolizione delle Soprintendenze e degli Istituti centrali, e una trasformazione profonda dei paradigmi che dominano l'asfittico sistema culturale italiano.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.