Il tuo browser non supporta JavaScript!

Alla morte del re. Sovranità e leggi di successione nell'Europa dei secoli XVII-XVIII

novità
Alla morte del re. Sovranità e leggi di successione nell'Europa dei secoli XVII-XVIII
titolo Alla morte del re. Sovranità e leggi di successione nell'Europa dei secoli XVII-XVIII
autore
argomento Storia, Religione e Filosofia Storia
collana Piccoli saggi, 70
editore Salerno
formato Libro
pagine 184
pubblicazione 2020
ISBN 9788869733963
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
18,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
«Il re muore, ne occorre un altro; le elezioni lasciano degli intervalli pericolosi [...]. Si è resa la corona ereditaria in alcune famiglie e si è stabilito un ordine di successione che impedisca ogni disputa alla morte del re. Cosicché [...] si preferisce rischiare di avere per capi dei bambini, dei mostri, degli imbecilli piuttosto che avere da disputare sulla scelta dei buoni re» (J.-J. Rousseau, Contratto sociale). Questo saggio ricostruisce i dibattiti, gli scontri e le tensioni che accompagnarono la gestazione delle leggi di successione, tra la metà del Seicento e la metà del secolo successivo: dalla Danimarca all'Inghilterra della Gloriosa Rivoluzione, dalla Russia di Pietro I alla Francia di Luigi XIV, dalla Spagna borbonica ai domini asburgici, alla Toscana nel passaggio dai Medici ai Lorena. Nel contesto dei dibattiti sulla sovranità e sul rapporto tra sovrano e popolo, da Pufendorf a Hobbes, a Locke, il volume ripercorre la storia d'Europa tra XVII e XVIII secolo per cercare di comprendere il contributo che le leggi di successione dettero alla "costituzionalizzazione" del rapporto tra dinastia, popolo e territorio.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.