Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

«Qualcosa di immane». L'arte e la grande guerra

«Qualcosa di immane». L'arte e la grande guerra
Titolo «Qualcosa di immane». L'arte e la grande guerra
Autori , ,
Argomento Letteratura e Arte Arte
Editore Silvy
Formato
libro Libro
Pagine 285
Pubblicazione 2012
ISBN 9788897634058
 
Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
68,00
Tra i molti modi in cui si può definire la grande guerra vi è anche "la guerra delle avanguardie". Il periodo che ne precede lo scoppio vede il radicale mutamento dello statuto sociale degli artisti e apre l'epoca dei movimenti organizzati e dei manifesti. Espressionismo, Cubismo, Futurismo, Vorticismo, e la complessa galassia delle avanguardie russe definiscono le proprie poetiche prima del 1914 e in questa stagione hanno le proprie radici Dadaismo e Surrealismo. Molti degli esponenti delle avanguardie si arruolarono entusiasticamente e molti di loro caddero nelle trincee della vecchia Europa. Ma soprattutto dipinsero e raccontarono la guerra con i linguaggi delle arti figurative, dando luogo a una produzione artistica che non ha l'eguale in nessun altro conflitto. "Qualcosa di immane" racconta la grande guerra attraverso un imponente apparato iconografico. Il punto di partenza sono i pittori che in qualche modo hanno presagito e raffigurato l'apocalisse che si stava preparando. Sezioni specifiche riguardano i futuristi italiani, l'avanguardia russa e il corpo dei Khegsmaler. Infine una serie di blocchi tematici: i ritratti e gli autoritratti, la vita al fronte, le trincee e i combattimenti, i paesaggi, i feriti, i prigionieri e i profughi.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.