Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Al servizio della nazione. L'accesso degli stranieri agli impieghi pubblici

Al servizio della nazione. L'accesso degli stranieri agli impieghi pubblici
titolo Al servizio della nazione. L'accesso degli stranieri agli impieghi pubblici
Autore
Argomenti Diritto, Economia e Politica Diritto
Law
Collana Studi di diritto pubblico, 8
Editore Franco Angeli
Formato
libro Libro
Pubblicazione 2019
ISBN 9788891790880
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
18,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
In un'epoca in cui i confini statali tendono a divenire porosi e le amministrazioni nazionali competono tra di loro, è ancora attuale il requisito della cittadinanza per l'accesso al pubblico impiego, e in particolare alla dirigenza? I direttori di alcuni dei più importanti musei pubblici del mondo non sono cittadini del Paese che li ospita. In Italia, la riforma del 2016 con cui è stato aperto il reclutamento dei direttori dei più importanti musei e siti archeologici ai cittadini stranieri è stata oggetto di accese critiche e di una dura battaglia giudiziaria. Come, quando e perché è stato introdotto il requisito del possesso della cittadinanza per accedere alla funzione pubblica? Il principio della libera circolazione dei lavoratori stabilito dall'Unione europea in che misura consente agli Stati membri di mantenere la riserva di posti a favore dei propri cittadini? Come si è adattato l'ordinamento italiano? Quali sono le reazioni negli altri Paesi? In un'epoca in cui i confini statali tendono a divenire porosi e le amministrazioni nazionali competono tra di loro, è ancora attuale il requisito della cittadinanza per l'accesso al pubblico impiego e in particolare alla dirigenza?
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.