Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Il diritto alla città. Roma nel Settecento

Il diritto alla città. Roma nel Settecento
Titolo Il diritto alla città. Roma nel Settecento
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Storia
Collana La corte dei papi, 32
Editore Viella
Formato
libro Libro
Pagine 176
Pubblicazione 2021
ISBN 9788833138008
 
Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
22,00
Dal momento che funzione basilare della città è favorire gli incontri, questo libro indaga sul "diritto alla città", cioè sul diritto delle persone a muoversi liberamente attraverso lo spazio urbano senza correre il rischio di essere arrestati, aggrediti, vilipesi. Il libro coniuga la ricerca d'archivio con l'uso dell'informatica per misurare la dimensione degli spostamenti e la frequenza con cui le strade venivano percorse. Diversamente da oggi, la città si caratterizzava per una certa promiscuità sia dell'abitare sia delle attività lavorative, ma muoversi per lavoro o per altre attività comportava scelte diverse. Il movimento intra-urbano era influenzato dalla presenza di forti poli di attrazione ma anche dalla sedimentazione storica della griglia viaria, con i suoi pieni e i suoi vuoti. La città del Settecento ha molto da dire a quella di oggi.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.