Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Un trittico sciasciano con «giallo». Quaquaraquà, mafia, pizzo

Un trittico sciasciano con «giallo». Quaquaraquà, mafia, pizzo
titolo Un trittico sciasciano con «giallo». Quaquaraquà, mafia, pizzo
Autore
Argomento Letteratura e Arte Letteratura e Linguistica
Editore UTET Università
Formato
libro Libro
Pagine 288
Pubblicazione 2021
ISBN 9788860086761
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
25,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Diciamo subito che il lettore può avviare la lettura di questo Trittico sciasciano muovendo dalla curiosità per un titolo qualsiasi dei nove capitoli del volume, i quali mettono a fuoco prioritariamente tre aspetti della personalità di Leonardo Sciascia (1921-1989). Ovvero Sciascia scrittore e la sua lingua (cap. 3), Sciascia linguista in erba che riflette come tutti gli scrittori sulla lingua (capp. 2, 7), e Sciascia scrittore che diffonde in italiano e nel mondo certi lessemi (senza esserne il glottoplaste ovvero l'onomaturgo), come quaquaraquà, mafia, pagare il pizzo. I quali sono l'oggetto per una analisi intralinguistica (quaquaraquà, ancora equivocato, cap. 5; mafia e derivati, cap. 8), interlinguistica (diffusione di quaquaraquà nel mondo, in lingue romanze, germaniche e non-indoeuropee, cap. 6), in chiave storico-etimologica (mafia, oggetto di «allucinazioni» spagnole, cap. 7; taddema, cap. 4; e pagare il pizzo, cap. 9). Il tutto preceduto da un «giallo» sulla (tardiva) laurea postuma del nostro autore (cap. 1).
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.