Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

BUR Biblioteca Univ. Rizzoli: Poesia

La ballata del carcere di Reading

Testo inglese a fronte

di Wilde Oscar

editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

pagine: 85

È il 20 novembre 1895 quando Oscar Wilde, condannato a due anni di lavori forzati per sodomia, viene trasferito nel carcere di
9,00

Poesie

di Dickinson Emily

editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

pagine: 500

Il volume è una raccolta di poesie di una delle maggiori interpreti della poesia americana
12,00

Un'affollata solitudine. Poesie eteronime. Testo portoghese a fronte

di Pessoa Fernando

editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

Molta letteratura del Novecento ha tentato di rendere conto di quella frantumazione dell'identità, di quella moltiplicazione d
16,50

Tutte le poesie

di Manzoni Alessandro

editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

pagine: 495

Nell'arco di un ventennio, dal "Trionfo della Libertà" (1801) alla "Pentecoste" (1822), Manzoni vive e in pratica esaurisce la
11,00

Poemi conviviali

di Giovanni Pascoli

editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

pagine: 375

I "Poemi conviviali" sono sintesi felice di un'idea archeologica della poesia e dello sconfinato amore che Pascoli ebbe per il mondo classico e la sua anima profonda. Frutto unitario e compatto, pubblicati prima in rivista, separatamente, nascono poi come volume nel 1904, dando forma a un progetto di "rivitalizzazione" del mito, della letteratura e della storia. Partendo da lontano, dalla fondazione della poesia, toccano figure chiave del mito, della storia, del pensiero, per giungere al punto di non ritorno della classicità, segnato dal crollo di un mondo e di un immaginario e dall'irrompere sull'orizzonte della storia di una nuova Rivelazione. Combinazione raffinata di materia classica e dell'inquieto linguaggio pascoliano, i "Poemi conviviali" ci sono offerti, nella lettura di Maria Belponer e di Pietro Gibellini, come uno dei momenti fondanti del linguaggio poetico del Novecento.
10,00

La poesia scapigliata

editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

pagine: 498

Spesso definita la prima "avanguardia" italiana, la Scapigliatura è il movimento artistico-letterario sviluppatosi negli anni '60 e '70 dell'Ottocento. Attivi a Milano (ma non solo), questi autori maledetti interpretano un profondo disagio nei confronti della società borghese e capitalistica. Eredi di Baudelaire, sprezzanti verso la religione tradizionale come pure verso la nuova scienza positivista, gli Scapigliati preludono alle esperienze più mature del Decadentismo e del Simbolismo. Questo volume presenta un'ampia scelta commentata delle opere poetiche più significative della Scapigliatura. Tra gli autori selezionati, accanto ai tre"maggiori" (Praga, Boito, Tarchetti), gli altri di area milanese e lombardo-veneta (Ghislanzoni, Gualdo, Zendrini, Salmini, Pinchetti, Fontana, Cavallotti, Turati); i piemontesi (Camerana, Cagna, Molineri); i campani (Torelli); gli emiliano-romagnoli (Guerrini) e i liguri (Zena).
15,00

Le ultime poesie

Testo inglese a fronte

di Yeats William B.

editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

Dopo la pubblicazione de "La scala a chiocciola", Yeats desiderava scrivere poesie di un genere nuovo e raggiungere un pubblic
10,00

Il grande amico. Poesie (1935-1981)

di Vittorio Sereni

editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

pagine: 271

Il tempo, i luoghi, la memoria; la guerra perduta, il male di vivere, gli altri; gli avvenimenti, le occasioni, il nuovo e il
13,00

Poesie (1923-1976). Testo spagnolo a fronte

di Borges Jorge L.

editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

pagine: 317

In una antologia personale, le più belle poesie di uno dei maggiori scrittori del XX secolo
11,00

«If» e poesie scelte. Testo inglese a fronte

di Rudyard Kipling

editore: BUR Biblioteca Univ. Rizzoli

pagine: 358

Rudyard Kipling nacque a Bombay nel 1865, e la sua prima lingua fu l'indostano. Non studiò a Oxford ma a Lahore. Fino a ventiquattr'anni fece il giornalista e iniziò allora a scrivere racconti e poesie di vita anglo-indiana. Visse fino al 1936. Cantò la nobiltà e la miseria dell'imperialismo vittoriano, l'avvento delle macchine, la tragedia della prima guerra mondiale. Le sue poesie sono imperniate su una situazione, un destino, una storia, individuale o corale. I suoi eroi sono il soldataccio, il tecnico, il self-made man. Si ritenne un versificatore, non un poeta, ma i suoi versi si imprimono nella memoria per il ritmo da ballata, per l'asciuttezza dell'immagine e l'emozione adolescenziale che li anima.
10,40

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.