Il tuo browser non supporta JavaScript!

Castelvecchi: Etcetera

Perché non è già tutto scomparso?

di Baudrillard Jean

editore: Castelvecchi

pagine: 51

Perché esiste qualcosa anziché niente?: era questa per Leibniz una delle domande a cui la metafisica era tenuta a rispondere
7,50

Cosa si prova ad essere un pipistrello?

di Nagel Thomas

editore: Castelvecchi

pagine: 54

Le teorie di taglio materialista sul funzionamento e le modalità dell'esperienza sembrano inesorabilmente destinate a trascura
7,50

Etica e infinito

di Lévinas Emmanuel

editore: Castelvecchi

pagine: 128

14,50

Iliade

di Bespaloff Rachel

editore: Castelvecchi

pagine: 64

9,00

Il valore della semplicità volontaria

di Gregg Richard B.

editore: Castelvecchi

pagine: 64

7,50

Long play e altri volteggi della puntina

di Adorno Theodor W.

editore: Castelvecchi

pagine: 60

L'interpretazione della figura di Adorno astretta a quella di un severo moralista che con accademica alterigia disprezza il mo
9,00

John Cage

di Sylvester David

editore: Castelvecchi

pagine: 64

7,00

Manifesto per la soppressione dei partiti politici

di Simone Weil

editore: Castelvecchi

pagine: 60

Sopprimere i partiti politici
6,00

L'infelicità di essere greci

di Dimou Nikos

editore: Castelvecchi

pagine: 96

6,00

Filosofia della chiacchiera

di Andrea Libero Carbone

editore: Castelvecchi

pagine: 128

7,50

Manifesto per la soppressione dei partiti politici

di Weil Simone

editore: Castelvecchi

pagine: 96

Il semplice uso delle parole democrazia e repubblica obbliga a interrogarsi con estrema attenzione sulle seguenti questioni: c
7,00

Elogio del traditore

di Christian Petr

editore: Castelvecchi

pagine: 57

"Intendo qui rivolgere un elogio al traditore, ma desidero essere compreso bene: non ho alcuna intenzione di esaltare il corruttore, l'approfittatore, l'imbroglione, il delatore, il rinnegato o la spia. Conosciamo tutti degli amanti segretamente volubili, dei borghesi puritani che di nascosto diventano festaioli, degli ecclesiastici che di notte si travestono da laici e si danno all'amore o al denaro". Dunque, chi è il traditore? Stando ai Vangeli, è colui che fa un atto arbitrario di libertà e di conoscenza verso il male, e involontariamente con il suo tradimento mette in movimento la storia. Ma è anche il figlio ribelle, la serpe in seno, colui che solidarizza all'improvviso col nemico. È il lato imprevedibile dell'animo umano, che merita forse, dice paradossalmente l'autore, di essere elogiato più che vituperato.
7,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.

Acconsento