Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Clinamen: La Biblioteca D`astolfo

L'arte della musica

di Arthur Schopenhauer

editore: Clinamen

pagine: 146

«Accanto al lento avanzare della mia musica mi sono occupato in questo momento esclusivamente di un uomo che è giunto nella mi
16,90

La quotidiana mancanza. Un libro malinconico e obliquo

di Fabio Bazzani

editore: Clinamen

pagine: 76

Nessuno può fare esperienza della propria morte e nessuno può fare esperienza della propria nascita
12,90

Anni della decisione

di Oswald Spengler

editore: Clinamen

pagine: 212

"L'Occidente è sotto assedio; i popoli d'Oriente lo minacciano"
15,90

Il secolo di Nietzsche

di Oswald Spengler

editore: Clinamen

pagine: 56

«Nella realtà storica non regnano l'ideale, la bontà e la morale - il loro regno non è di questo mondo! -, bensì la decisione,
12,90

Sull'essenza della critica filosofica

di Friedrich Hegel

editore: Clinamen

pagine: 86

Questo scritto chiarisce l'autentico significato della critica in contrapposizione alla semplice polemica e dà il senso compiu
13,90

Karl Marx. Una introduzione

di Edoardo Schinco

editore: Clinamen

pagine: 121

Con l'attuale rivoluzione industriale-elettronica, con la caduta del muro di Berlino nel 1989, e con le crisi economiche e pol
14,50

Una Mule-Jenny elettronica. Ideologia del mercato globale

di Fabio Bazzani

editore: Clinamen

pagine: 146

«La schiavitù non si può abolire senza la macchina a vapore e la Mule-Jenny», scrive Marx
14,50

Antonin Artaud. L'uomo che pensò l'impensabile

di Marco Alloni

editore: Clinamen

pagine: 78

Perché uno dei più grandi geni del Novecento ha dovuto patire dieci anni di manicomio e ben cinquanta elettrochoc? Perché l'Oc
12,50

Albert Camus. Una introduzione

di Marta Scaratti

editore: Clinamen

pagine: 94

Il presente volume rappresenta una originale mappa per orientarsi nel pensiero e nell'opera di Albert Camus, uno strumento di
11,90

L'ebraismo nella musica

di Richard Wagner

editore: Clinamen

pagine: 58

Pubblicato nel settembre 1850 sulla "Neue Zeitschrift fur Musik", questo scritto di Richard Wagner non ha perso ad oggi nulla né della sua sconcertante attualità né della sua canea provocatoria. È dinanzi al cosiddetto tribunale della storia che Wagner trascina l'ebraismo, pronunciando una sentenza inappellabile: Untergang, tramonto, fine. L'ebraismo deve tramontare! È questo l'esito necessario di una battaglia condotta in nome della sopravvivenza dell'arte e, in essa, soprattutto della musica. Se "giudaizzata", la musica non può che decadere: se essa sempre esprime lo spirito profondo di una terra, gli ebrei, che non hanno una patria, non la possono che condurre a morte. Il testo si chiude con una invocazione agli ebrei che sembra attingere da Feuerbach, pensatore sempre presente nella mente di Wagner, nonché dal "giovane" Marx, ebreo anch'egli, ma "redento", emancipatosi ad uomo: smettetela di considerarvi ebrei, diventate finalmente uomini, "redimetevi, rigeneratevi. Allora saremo uniti e indistinguibili!" e la musica e l'arte saranno salve.
12,90

Sulla filosofia e sul suo metodo

di Arthur Schopenhauer

editore: Clinamen

pagine: 76

Spregiudicato, irriverente, geniale, Schopenhauer traccia in questo scritto la sua concezione della verità e della filosofia, considerandone con estrema chiarezza argomentativa e straordinaria capacità di sintesi l'oggetto, il soggetto e le peculiarità più proprie, definendone con caustica forza critica la posizione rispetto alle altre forme di pensiero e ponendone in luce la sempre inattuale attualità. Presentato nella brillante e rigorosa traduzione curata da Simone Cavallini, e corredato da un ampio ed originale saggio introduttivo nonché da un fittissimo apparato di note esplicative, "Sulla filosofia e sul suo metodo" intende rappresentare un primo passo per chi nel "percorso verso la verità" "abbia il coraggio di non tenere alcuna domanda nel cuore".
12,90

Fondamenti della filosofia dell'avvenire

di Ludwig Feuerbach

editore: Clinamen

pagine: 126

"La filosofia dell'avvenire ha il compito di introdurre nuovamente la filosofia dal regno delle anime morte nel regno delle anime incarnate, delle anime viventi, e di tirarla giù dalla beatitudine speculativa". "La verità non esiste nel pensare, nel sapere per se stesso. La verità è soltanto la totalità della vita e dell'essenza umana". Nei "Fondamenti della filosofia dell'avvenire" pubblicati clandestinamente in Svizzera nel 1843, Feuerbach raccoglie i risultati della precedente riflessione sulla tradizione filosofica e teologica ed offre al lettore un efficace affresco di filosofia della storia nel quale spicca la critica della religione e della "vecchia metafisica". In questa nuova edizione, curata con passione filologica e teoretico rigore da Edoardo Schinco, si fa giustizia di alcune eccessive disinvolture e disattenzioni proprie di altre traduzioni. Il saggio introduttivo fornisce una dettagliata ricostruzione della formazione e della evoluzione del pensiero di Feuerbach.
13,50

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.