Il tuo browser non supporta JavaScript!

Electa Napoli

Capodimonte. Guida rapida. Ediz. tedesca

editore: Electa Napoli

pagine: 96

Una guida essenziale alle raccolte del Museo, piano per piano, sala per sala, capolavoro dopo capolavoro: il parco, la galleria Farnese, nucleo storico centrale di un patrimonio straordinario (Masaccio, Botticelli, Tiziano, Parmigianino, Brueghel, Carracci...); la collezione Borgia; l'appartamento reale; le arti a Napoli dal Duecento all'Ottocento (Caravaggio, Ribera, Giordano...), fino ai maestri dell'arte contemporanea.
7,50

Capodimonte. Guida rapida. Ediz. spagnola

editore: Electa Napoli

pagine: 96

Una guida essenziale alle raccolte del Museo, piano per piano, sala per sala, capolavoro dopo capolavoro: il parco, la galleria Farnese, nucleo storico centrale di un patrimonio straordinario (Masaccio, Botticelli, Tiziano, Parmigianino, Brueghel, Carracci...); la collezione Borgia; l'appartamento reale; le arti a Napoli dal Duecento all'Ottocento (Caravaggio, Ribera, Giordano...), fino ai maestri dell'arte contemporanea.
7,50

Museo archeologico nazionale

di Stefano De Caro

editore: Electa Napoli

pagine: 160

Ospite di uno dei più antichi e monumentali edifici della città, il cinquecentesco 'Palazzo degli Studi', il Museo Archeologico Nazionale di Napoli non è solo una delle più straordinarie raccolte di antichità del mondo: nelle sue sale, di recente in gran parte riallestite, hanno sede alcune collezioni storiche che costituiscono, senza enfasi, uno dei nuclei portanti della storia della cultura italiana: il gruppo delle gemme e delle sculture Farnese, eredità dei Borbone; i celeberrimi materiali provenienti da Ercolano e Pompei, un insieme senza paragoni di affreschi spettacolari, sculture, oggetti preziosi e d'uso comune; raccolte famose come la Santangelo, la Stevens, la collezione Borgia, che per ricchezza e varietà costituiscono ciascuna un museo a sé. Ma il palazzo non ospita solo reperti storici: scavi recenti hanno apportato nuove sezioni dedicate alla storia di Napoli, alla Magna Grecia, all'epigrafia, alla preistoria, mentre allestimenti originali hanno permesso di ripresentare al pubblico sezioni chiuse da decenni, come il Medagliere, dedicato alla storia monetaria del Mezzogiorno, o il Gabinetto Segreto, celebre già nell'Ottocento e chiuso da mezzo secolo. Una selezione d'immagini di rara suggestione, insieme al 'racconto' in prima persona di Stefano De Caro, artefice della nuova stagione di rilancio rigoroso, metodico, documentano la storia e le prospettive di questo patrimonio inestimabile.
60,00

Il museo archeologico nazionale di Napoli. Guida per ragazzi

di Marco De Gemmis

editore: Electa Napoli

pagine: 80

Il Museo archeologico, la più ricca collezione di antichità in Italia, vanta opere celeberrime come il "Gran Mosaico di Alessandro" e l'Ercole Farnese. Con il linguaggio sapiente di chi sa catturare l'attenzione dei ragazzi, la guida aiuta ad orientarsi nel labirinto delle collezioni: c'è la sezione egiziana, nei sotterranei; c'è la raccolta Farnese, che comprende statue straordinarie, alcune grandi tre volte un uomo, e centinaia di preziose gemme incise. Prende forma la trama di civiltà, la sterminata quantità di oggetti ritrovati a Pompei e nelle altre città vesuviane: giocattoli, armi, mobili, stoviglie comuni o in materiali preziosi, gioielli, oltre alle splendide pitture e ai mosaici; rivivono, i manufatti e i capolavori provenienti dalla Magna Grecia. Un tessuto connettivo magistrale di illustrazioni, che rievoca ambienti ed episodi cruciali delle antichità, esalta il carattere ludico, interattivo, di questo itinerario suggestivo.
10,00

The national archeological museum of Naples. Guida per ragazzi

di Marco De Gemmis

editore: Electa Napoli

pagine: 80

Il Museo archeologico, la più ricca collezione di antichità in Italia, vanta opere celeberrime come il "Gran Mosaico di Alessandro" e l'Ercole Farnese. Con il linguaggio sapiente di chi sa catturare l'attenzione dei ragazzi, la guida aiuta ad orientarsi nel labirinto delle collezioni: c'è la sezione egiziana, nei sotterranei; c'è la raccolta Farnese, che comprende statue straordinarie, alcune grandi tre volte un uomo, e centinaia di preziose gemme incise. Prende forma la trama di civiltà, la sterminata quantità di oggetti ritrovati a Pompei e nelle altre città vesuviane: giocattoli, armi, mobili, stoviglie comuni o in materiali preziosi, gioielli, oltre alle splendide pitture e ai mosaici; rivivono, i manufatti e i capolavori provenienti dalla Magna Grecia. Un tessuto connettivo magistrale di illustrazioni, che rievoca ambienti ed episodi cruciali delle antichità, esalta il carattere ludico, interattivo, di questo itinerario suggestivo.
10,00

Napoli. Guida alla città dei ragazzi

di Caterina Arciprete

editore: Electa Napoli

pagine: 96

Uno strumento per far scoprire ai ragazzi (tra i sette e i dieci anni) la memoria, l'appartenenza culturale all'identità stratificata nei secoli e poliforme di quella città simbolo che Napoli non smette di rappresentare, malgrado tutto. Costruita sul medium di illustrazioni di rara efficacia, intessuta di giochi, stimoli ad interagire, appelli alla fantasia, pagina dopo pagina, la guida dimostra con passione e intelligenza che apprendere può essere piacevole. Ripercorre, quartiere per quartiere, colore per colore, i percorsi della storia, l'intreccio di uomini e donne illustri, l'alternarsi di civiltà e dominazioni, le arti, gli ambienti magici di una grande metropoli dello spirito. Per stimolare bambini, insegnanti, genitori, a conoscere, rispettare, ricreare questo patrimonio inestimabile.
8,00

The national archeological museum

di Stefano De Caro

editore: Electa Napoli

pagine: 160

Ospite di uno dei più antichi e monumentali edifici della città, il cinquecentesco 'Palazzo degli Studi', il Museo Archeologico Nazionale di Napoli non è solo una delle più straordinarie raccolte di antichità del mondo: nelle sue sale, di recente in gran parte riallestite, hanno sede alcune collezioni storiche che costituiscono, senza enfasi, uno dei nuclei portanti della storia della cultura italiana: il gruppo delle gemme e delle sculture Farnese, eredità dei Borbone; i celeberrimi materiali provenienti da Ercolano e Pompei, un insieme senza paragoni di affreschi spettacolari, sculture, oggetti preziosi e d'uso comune; raccolte famose come la Santangelo, la Stevens, la collezione Borgia, che per ricchezza e varietà costituiscono ciascuna un museo a sé. Ma il palazzo non ospita solo reperti storici: scavi recenti hanno apportato nuove sezioni dedicate alla storia di Napoli, alla Magna Grecia, all'epigrafia, alla preistoria, mentre allestimenti originali hanno permesso di ripresentare al pubblico sezioni chiuse da decenni, come il Medagliere, dedicato alla storia monetaria del Mezzogiorno, o il Gabinetto Segreto, celebre già nell'Ottocento e chiuso da mezzo secolo. Una selezione d'immagini di rara suggestione, insieme al 'racconto' in prima persona di Stefano De Caro, artefice della nuova stagione di rilancio rigoroso, metodico, documentano la storia e le prospettive di questo patrimonio inestimabile.
60,00

Flora pompeiana antica

di Annamaria Ciarallo

editore: Electa Napoli

pagine: 48

"Insieme alla struttura urbana, alle dimore, alle opere d'arte, l'eruzione del Vesuvio del 79 d. C. ha conservato, sigillati sotto la coltre di lava, un repertorio ricchissimo di 'reperti' vegetali carbonizzati. Dalla forma delle radici, dai pollini impalpabili, Annamaria Ciarallo ricostruisce ora, nel vivo degli scavi, un orto botanico didattico: per raccontare visivamente come i monumenti fossero contornati di alberi e piante, come erano coltivati orti e giardini, come le campagne producessero frutti utili alla sopravvivenza dell'antica società pompeiana." (Pietro Giovanni Guzzo)
7,00

Apollo. Bollettino dei Musei provinciali del salernitano

editore: Electa Napoli

pagine: 112

Il periodico, che prende nome da uno dei più importanti reperti del Museo di Salerno, ha cadenza annuale, e raccoglie contributi di studiosi italiani e stranieri sul patrimonio archeologico, paleontologico e artistico-museale della provincia. Saggi di Alexa Piqueux, Giulia Nuzzo, Giuseppe Fiengo, Saverio Carillo, Giuseppe Cecere, Cristina Cerullo, Helen Rotolo, Giuseppe Gianluca Cicco, Elena Console, Rosella Tassone, Paolo Palaia, Angela Palaia, Barbara Catino, Matilde Romito, Angela Peduto, Valeria Nuzzo, Marco Coraggio, Carlo Quadrino.
20,50

Eroi! Come noi? Ediz. italiana e inglese

editore: Electa Napoli

pagine: 168

Di guerra. Immortali. Per caso. Il mondo è pieno di eroi. Magari oggi non sono più così invulnerabili e sempre più lontani dalla concezione tramandata dalla cultura classica. Cacciati dall'Olimpo, gli eroi di oggi camminano per strada, sotto gli occhi di un nemico troppo spesso imprevedibile, e poco o nulla hanno a che fare con i campi di battaglia, impegnati piuttosto ad animare quelli della vita quotidiana, e relegati ad un eroismo di routine, che, seppur proclamato a più voci, raramente viene consegnato alla storia. Tuttavia l'eroe, ancora oggi persiste come una forma di pensiero, come una visione del mondo che non è facile sradicare del tutto, riassumendo in sé un'idea che possiede un significato potente ed un valore, affidato a fattori estremamente complessi che certo sfuggono alla nozione di tempo. Lo sanno bene i ventuno artisti coinvolti nel progetto del PAN, al primo evento espositivo (Napoli, 5 aprile - 26 giugno 2007) sotto la nuova direzione assunta da Julia Draganovic. Sono artisti di età e provenienza diversa, accomunati però dalla scelta di raccontarci il tema, facendosi interpreti delle nostre pulsioni e dei nostri interrogativi attraverso modalità operative e stilistiche differenti, in un confronto libero e senza incertezze. Attraverso un dialogo continuo tra ideale e realtà, storia ed attualità, l'arte contemporanea, che non esclude il confronto con i protagonisti delle vicende della vita reale.
25,00

Taccuino 1870-1874

di Giuseppe De Nittis

editore: Electa Napoli

pagine: 196

Le Notes et souvenirs du peintre Joseph de Nittis - edite a Parigi nel 1895 da Léontine Gruville, moglie del maestro pugliese,
15,00

La pinacoteca De Nittis a Barletta

di Emanuela Angiuli

editore: Electa Napoli

pagine: 48

La collezione De Nittis, donata alla città di Barletta da Léontine Gruvelle, trova infine collocazione adeguata nel palazzo cinquecentesco della Marra, ora sede della Pinacoteca dedicata all'artista. Centoquarantasei dipinti e sessantacinque incisioni, oltre alla biblioteca e all'epistolario: paesaggi, città, neve, alle corse, Léontine, dans le monde, ritratti.
8,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.