Il tuo browser non supporta JavaScript!

Emi: Strumenti

Oltre la riforma Gelmini. Per una scuola dell'intercultura

editore: Emi

pagine: 112

La "riforma" firmata dal ministro dell'istruzione Maria Stella Gelmini, riporta la scuola al centro del dibattito politico, facendo scendere in piazza studenti, insegnanti, genitori, associazioni, difensori e critici del governo. Un'altra scuola oggi in Italia è non solo possibile, ma auspicabile e necessaria. Non c'è consenso sul come costruirla. In questo libro Aluisi Tosolini raccoglie reazioni e riflessioni di alcuni professionisti dell'educazione che fanno riferimento al CEM mondialità e che chiedono di andare oltre la riforma per ascoltare pensieri, esperienze e proposte di una scuola che veramente s'interroga sul suo ruolo e sulle sue responsabilità. Non ne nascono risposte definitive, ma si riapre il dialogo per mantenere vigile l'attenzione su ciò che ci accade intorno e per non rinunciare al tentativo di interpretarlo e tradurlo in consapevoli e responsabili scelte educative.
10,00

Periferie del mondo. Proposte di viaggio. Ediz. italiana e inglese

editore: Emi

pagine: 288

Una proposta unica di viaggio reale che permette di toccare con mano i contesti di povertà e disagio, in particolare delle periferie. La guida è suddivisa in Nord e Sud del mondo. È un sussidio semplice, composto da testi, foto, testimonianze e incontri in tema di istruzione e Obiettivi di Sviluppo del Millennio; una vera immersione nel reale a opera dei volontari FOCSIV che rientrati dalle loro esperienze, desiderano condividere le loro scoperte e trasmettere le loro impressioni. La sezione del Nord riporta i racconti dei volontari nelle periferie di Roma, Milano e Catania nel progetto nazionale sul diritto all'istruzione. La parte dedicata al Sud è un viaggio nei vari modi di fare scuola in Brasile, Kosovo, Madagascar attraverso testimonianze e fotografie degli operatori in loco. Il capitolo introduttivo illustra la Dichiarazione del Millennio e gli Obiettivi di sviluppo del Millennio, redatto a New York sotto l'egida dell'ONU e che prevedono per il 2015 di dimezzare la povertà nel mondo, presupposto essenziale per la pace.
10,00

Infanzia da difendere a tutela dei diritti dei bambini

di Carletta Viotto

editore: Emi

pagine: 128

La violenza contro i bambini è una piaga che la società attuale non è ancora riuscita a scrollarsi di dosso. Ignoranza, povertà, strutture pubbliche insufficienti e corrotte, una società sempre più incapace di ascoltare, capire, dialogare, commuoversi, indignarsi, sono alcune delle cause che rendono difficili le soluzioni di questo problema. Il libro analizza il fenomeno e offre interventi a livello di famiglia, scuola e società, per creare atteggiamenti che possano dare un futuro all'infanzia di oggi. In particolare suggerisce la realizzazione di una Giornata Mondiale del Bambino, a calendari unificati, per promuovere un processo globale di cambiamento di rotta di questo che è indubbiamente uno dei più gravi problemi dell'umanità attuale.
9,00

Nuove strategie contro lo sfruttamento del lavoro minorile. Promuovere i diritti umani per raggiungere gli obiettivi del millennio

di Mariarosa Cutillo

editore: Emi

pagine: 80

L'infanzia ha diritto a un aiuto e a un'assistenza particolari. I bambini e le bambine, ai fini dello sviluppo armonioso e completo della loro personalità, devono crescere in un clima sereno, di amore e comprensione. Invece, 218 milioni di bambini e bambine nel mondo sono costretti a lavorare, spesso in condizioni disumane, nell'agricoltura, nei servizi domestici, nelle fabbriche... Per non parlare del mercato illegale della prostituzione e della droga, e dei bambini soldato. Il lavoro minorile fa parte della quotidianità anche in Italia e nei Paesi industrializzati. Non si tratta solo di sfruttamento diretto da parte di organizzazioni criminali o di qualche imprenditore senza scrupoli. Il fatto è che tra i nostri acquisti più comuni ci sono prodotti, quali il caffè e il cacao, che spesso implicano lo sfruttamento dell'infanzia nel Sud del mondo. Occorre aumentare la consapevolezza e l'attenzione per evitare di favorire un'ingiustizia che opprime l'umanità a livello globale. Questo libro, attraverso un dialogo tra persone esperte, espone le cause del lavoro minorile e presenta nuove strategie per restituire a tutti i bambini e le bambine del mondo la loro infanzia e il loro futuro.
9,00

A sud della salute. Modelli di salute e di sviluppo tra industria farmaceutica e medicina tradizionale

di Massimo Ruggero

editore: Emi

pagine: 144

Le nuove tecnologie alle quali la società moderna - non solo quella occidentale - attinge abbondantemente permettono di far circolare in tempo reale dati e informazioni che fino a poco tempo fa si perdevano nei meandri degli ambienti specializzati. Oggi sappiamo decisamente di più sui problemi del mondo: sia riguardo ai problemi che alle soluzioni. L'autore di questo saggio tratta il tema della sanità, mettendo in rapporto - e a confronto - le realtà del Nord e del Sud del mondo. Un divario di conoscenze e approcci separa ancora paesi e popoli, con il pericolo, da una parte, di far aumentare sempre di più il divario tra quelli che hanno e quelli che non hanno e, dall'altra, con il pericolo di travolgere, in nome dell'efficienza e della supposta superiorità della cultura occidentale, metodi e soluzioni di altri contesti culturali. L'antropologia dello sviluppo, di cui l'autore è esponente, si preoccupa che questi temi vengano sempre trattati nel rispetto delle persone e delle culture perché, più che gli interessi economici e commerciali, vengano veramente favorite la pace, la giustizia sociale, la consapevolezza ambientale. Il Sud del mondo ha peraltro qualcosa di molto importante da insegnare a noi perché nel suo approccio alla salute e alla malattia è indubbiamente più attento di noi alla centralità della persona, con le sue differenti rappresentazioni culturali e sociali.
10,00

Darsi il tempo. Idee e pratiche per un'altra cooperazione internazionale

editore: Emi

pagine: 224

La cooperazione internazionale allo sviluppo è una grande novità emersa nel ventesimo secolo. Guerre, povertà, catastrofi naturali, situazioni di abbandono avrebbero avuto un impatto ancora più grave se non ci fosse stata la risposta puntuale di persone, gruppi, organizzazioni e governi disposti ad intervenire. Grandi temi come il divario Nord Sud, la disuguaglianza dei mercati, il debito internazionale o le politiche ambientali sono entrati nelle nostre case grazie all'impegno di campagne e organismi della cooperazione internazionale. Ma tutto questo è passato. Oggi il mondo della cooperazione è in crisi e il concetto stesso di aiuto allo sviluppo appare superato. Crisi di senso, perché non si sa più verso quale sviluppo è realistico muoversi. E crisi di efficacia, perché spesso conta più la visibilità dei donatori che il risultato per i beneficiari. Occorre allora ripensare la cooperazione in un mondo che non è più quello del Novecento. Occorre fermarsi e riflettere. Darsi il tempo è un saggio sulla cooperazione internazionale, ma anche il racconto di idee e pratiche raccolti in anni di esperienze sul campo. E' un invito ad abbandonare la retorica dell'aiuto perché nessuno è solo povero - e ad oltrepassare la logica dell'emergenza perché agire responsabilmente significa prendersi il tempo per conoscere. Un'altra idea della cooperazione, che esige un pensiero diverso.
13,00

Locale è globale al centro il bambino. Proposte di viaggio. Ediz. italiana e inglese

editore: Emi

pagine: 236

La Guida è dedicata al Quarto Obiettivo del Millennio relativo alla realtà della mortalità infantile. La prima parte presenta un dettagliato resoconto del Quarto Obiettivo e un approfondimento sulla mortalità infantile in relazione ai Diritti Umani. La seconda è suddivisa tra Nord e Sud del mondo. Il Nord riporta in particolare testimonianze dall'Italia (meridionale, centrale e settentrionale), il Sud dall'Africa (Angola, Etiopia, Mozambico, Zimbabwe) e dall'America Latina (Bolivia e Perù). Un sussidio semplice, composto da testi, foto e incontri, un'immersione nell'opera dei volontari FOCSIV che condividono qui le loro scoperte e impressioni.
12,00

Eau et conflits

di Marco Deriu

editore: Emi

pagine: 64

7,00

Acqua e ambiente

di Sara Ceci

editore: Emi

pagine: 64

La Collana "Acqua" è una serie di agili volumetti dedicati alla risorsa più preziosa del pianeta. In "Acqua e ambiente" l'autrice tratta il tema della risorsa acqua in relazione al recente fenomeno della globalizzazione. Dalla relazione che sussiste tra le problematiche ambientali e questo processo, passando per un ampio panorama sullo stato attuale degli ecosistemi dell'acqua, con una trattazione dettagliata sui mutamenti climatici legati a questa risorsa, sui vari tipi di contaminazione idrica, sul legame tra acqua e salute e alcuni cenni al dislivello tra la disponibilità di risorse idriche e il reale accesso all'acqua, per giungere alla conclusione propositiva che affronta il tema di una partecipazione giusta e democratica alla gestione dell'acqua come bene comune. Questo volume è edito anche nelle lingue: inglese, francese, spagnola
7,00

Oltre il debito. America latina. America latina. La conversione in investimenti sociali è risarcimento

di Cristiano Morsolin

editore: Emi

pagine: 128

Uno dei legami più delicati tra il Nord e il Sud del mondo è il debito estero, una relazione finanziaria che si è rivelata perversa: da opportunità per finanziare lo sviluppo, si è trasformata in una nuova schiavitù. Con questa raccolta di interviste Cristiano Morsolin ci presenta il problema del debito dal punto di vista di dieci protagonisti nelle diverse reti di società civile dell'America Latina, tra cui Alberto Pérez Esquivel, Alberto Acosta, Mercedes Canese, Alberto Croce, Aurora Donoso. In America Latina la società civile ha avviato una riflessione importante sulla legittimità dei debiti acquisiti. In molti casi, infatti, il denaro era stato prestato con vincoli forzati, come l'obbligo di acquistare materiali e forniture prodotti dal paese creditore. È anche grazie alle ricerche, alle proposte e alle pressioni degli attivisti latinoamericani che parlano attraverso questo libro che nel 2006 la Norvegia ha riconosciuto l'illegittimità di alcuni prestiti erogati nel passato e ha provveduto alla cancellazione unilaterale del relativo debito.
9,00

Il peso della armi leggere. Analisi scientifica della realtà italiana

editore: Emi

pagine: 160

Per la loro rilevanza sociale e politica e per il fatto che l'Italia è tra i primi dieci esportatori mondiali di piccole armi, esse meritano un'attenzione particolare, uno sguardo approfondito sulle tecniche di produzione, sul mercato "legale" - che concerne sia il comparto sportivo che quello militare e della sicurezza personale - e anche sull'ampia circolazione "illegale" delle armi leggere. Le armi leggere (small arms and light weapons¸ SALW nella definizione adottata dagli organismi internazionali) sono da anni al centro del dibattito politico e della riflessione etica: prima bersaglio del movimento contro la caccia, poi indicate come strumenti devastanti nelle mani di miliziani e ribelli che si sono macchiati di genocidi e crimini contro l'umanità, infine tra le cause che nelle periferie e nelle metropoli di tutto il mondo portano a registrare 1000 morti al giorno per armi da fuoco. Noto soprattutto per i suoi fucili da caccia e da tiro sportivo, il distretto armiero bresciano-gardonese non è solo la principale area produttiva delle small arms made in Italy, ma anche uno dei più competitivi centri industriali d'Europa per la produzione di armi leggere militari, adottate dalle forze armate e dell'ordine italiane e anche scelte per la loro affidabilità dagli eserciti di mezzo mondo, a cominciare da quello statunitense, che ha optato per la pistola Beretta sin dal 1985.
10,00

Acqua e conflitti

di Marco Deriu

editore: Emi

pagine: 64

La Collana "Acqua" è una serie di agili volumetti dedicati alla risorsa più preziosa del pianeta. In "Acqua e conflitti", l'autore affronta in sette capitoli i vari aspetti della risorsa idrica nella nostra società odierna: l'acqua come elemento naturale, culturale, economico, strategico e come strumento di accordo/disaccordo tra i popoli fino alle prospettive con cui avvicinarsi al rapporto tra acqua e conflitti. Il libro è arricchito da box di approfondimento riguardanti i conflitti dell'acqua, il manifesto della democrazia dell'acqua, le dighe e trattati internazionali. Questo volume è edito anche nelle lingue: inglese, francese, spagnola
7,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookies policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookies.

Acconsento