Il tuo browser non supporta JavaScript!

Il mulino: Percorsi

Società e terzo settore

La via italiana

 

editore: Il mulino

pagine: 361

In Italia il ricco mondo del nonprofit, presente e attivo negli ambiti più svariati della vita sociale (dall'assistenza all'is
27,00

Libro bianco sul Terzo settore

editore: Il mulino

pagine: 495

A cinque anni dall'uscita del primo "Libro bianco", l'Agenzia per il Terzo settore propone al pubblico - specialistico e no - ai "policy makers", agli addetti ai lavori e alla società civile nel suo complesso, una nuova edizione del "Libro bianco sul Terzo settore". Frutto di un lungo e articolato lavoro di ricerca e di studio intersettoriale condotto da un'equipe di economisti, giuristi, dottori commercialisti, politologi, sociologi, protagonisti del volontariato e della cooperazione, questo volume vuole offrire una chiave di lettura del complesso e sfaccettato mondo del non profit italiano. Ancor di più, il "Libro bianco" intende fornire ai diversi "stakeholders" preziosi e innovativi strumenti di progettazione, di programmazione e per la risoluzione delle problematiche ancora aperte. Partendo da un'attenta analisi intorno al passato e al presente del Terzo settore italiano, dai suoi punti di forza e dai nodi ancora da sciogliere (dalle questioni tributarie, ai problemi iden-titari, del finanziamento, della governance e della rendicontazione degli enti, fino all'urgenza di una riforma della legislazione di riferimento), e neppure trascurando un raffronto con il panorama internazionale, il "Libro bianco sul Terzo settore" si pone l'obiettivo di "slegare il Terzo settore italiano", permettendogli così di "contribuire ad assecondare il progresso morale e civile del paese".
34,00

La Società Produttori Sementi 1911-2011. Alle origini del made in Italy

di Emanuele Felice

editore: Il mulino

pagine: 400

Con un secolo di vita alle spalle, la Società Produttori Sementi si è affermata come uno dei principali centri di ricerca genetica nel cereali a livello mondiale. Esempio particolarmente riuscito del "modello" di sviluppo emiliano-romagnolo, rappresenta un'esperienza originale nel contesto economico nazionale ed europeo, dimostrando come, anche nel campo agricolo, si possano coniugare nel lungo periodo ricerca scientifica e organizzazione d'impresa. Questo volume ricostruisce in modo approfondito e con accuratezza scientifica la storia della Prosementi, le cui vicende costituiscono un'interessante chiave di lettura dalla quale guardare ai processi di modernizzazione dell'agricoltura italiana nel XX secolo: dall'espansione dell'età giolittiana alla battaglia del grano fascista, alla ristrutturazione del secondo dopoguerra, fino alle politiche agrarie comunitarie e ai processi di globalizzazione in atto. Nel raccontare una storia particolare, una storia positiva, il libro offre un contributo al dibattito sul ruolo dell'innovazione, e insieme sull'importanza del contesto storico, della tradizione e delle istituzioni locali, per il successo del "made in Italy".
36,00
15,00

L'Europa di carta. Stampa e opinione pubblica in Europa nel 2010

editore: Il mulino

pagine: 310

Il 2010 è stato un anno di grandi difficoltà per l'Europa e la sua costruzione comunitaria. L'attesa nuova architettura istituzionale, dominata dal Presidente fisso del Consiglio europeo e dall'Alto Rappresentante per la Politica Estera e di Sicurezza Comune ha faticato ad entrare a regime e Herman Van Rompuy e Catherine Ashton hanno avuto non poche difficoltà nel tentare di ritagliarsi un loro ruolo indipendente accanto a quello dei principali leader nazionali. Ma il 2010 è stato anche l'anno della "grande paura" per la moneta comune. Le crisi successive di Grecia e Irlanda e quelle che diversi analisti paventano (Portogallo? Spagna?) hanno non solo messo a dura prova le nuove istituzioni previste dal Trattato di Lisbona, ma soprattutto hanno risvegliato la tensione tra sovranità nazionali e governo comune, e sovranazionale, dell'Ue. In un quadro in rapida evoluzione, a dominare è stato senza dubbio il protagonismo (per molti, il "non-protagonismo") tedesco, incarnato dal cancelliere Angela Merkel, parte dominante di un nuovo asse franco-tedesco nel quale Berlino ha sostituito Parigi non solo economicamente ma anche politicamente. Se l'evoluzione interna dell'Europa è stata segnata dall'incertezza, non meno complicato è apparso il ruolo dell'Unione nel contesto delle nuove dinamiche multipolari.
24,00

L'istruzione in Sardegna. 1720-1848

di Fabio Pruneri

editore: Il mulino

pagine: 351

II primo censimento della popolazione italiana, nel 1861, registrava, fra le molte differenze che marcavano i caratteri del nord e sud della penisola, la vistosa discrepanza tra le diverse regioni in ordine al grado di alfabetizzazione. La Sardegna non è stata oggetto di ricerche approfondite in merito a questo aspetto della sua storia. È prevalsa la semplificazione, comune peraltro a tutto il centro e sud Italia, che risolveva la questione entro le dicotomie istruzione/analfabetismo, scrittura/oralità. Tali dualità finivano per tradursi, poi, in connotati morali descritti dal binomio civile/barbaro. Questa ricerca, grazie a sondaggi condotti negli archivi comunali, diocesani e di Stato, mira a mettere in luce la complessità del contesto entro cui svilupparono le intelligenze, si articolarono i gruppi, si educarono i ceti popolari e si riprodussero le leadership in Sardegna dal 1720 al 1848. I mutamenti e le permanenze culturali, documentati da molteplici fonti (archivistiche, epistolari, legislative) edite e, soprattutto, inedite, manifestano la stretta attinenza del processo di scolarizzazione alle vicende politiche e sociali, nella convinzione che molti dei problemi ancora irrisolti nell'isola abbiano origine dalla storia delle sue istituzioni educative.
27,00

Tradizioni epiche e letteratura

editore: Il mulino

pagine: 391

Articolato in quattordici saggi, il volume propone un quadro organico delle principali tradizioni epiche e del genere poetico che le ha accompagnate nel lungo viaggio attraverso epoche, linguaggi e confini, fino alla dissoluzione o alle forme sostitutive nel sistema letterario del mondo moderno. Dall'India antica, con il Mahabharata e il Ramayana, al mondo classico - Iliade, Odissea, Eneide - si sono fissati i grandi modelli del canto epico, caleidoscopio di storie sacre e di valori eroici, deposito di archetipi narrativi e di memoria culturale, vertice di eccellenza poetica e insieme di pedagogia. Passata attraverso l'epopea dei re persiani e poi riversata nel crogiuolo delle lingue dell'Europa medioevale, l'eredità epica ha dato voce, a nord, a legittimazioni regali e aristocratiche attraverso le cosmologie scandinave e le saghe di Beowulf o di Sigfrido, a sud, alla contesa tra civiltà in forte competizione, tra mondo cristiano e mondo musulmano, attraverso i nuclei originari di poemi di frontiera, da Bisanzio ai cantari iberici e alle Chansons de gestes. Approdato all'età moderna, che celebra l'avventura eroica delle scoperte geografiche e dei trionfi economici, il genere epico subisce ulteriori metamorfosi (il poema cavalieresco e il poemetto eroicomico) e conosce finalmente i suoi veri successori: il romanzo, grazie alla straordinaria lezione parodica del "Don Chisciotte" di Cervantes; e il racconto eroico che, nelle varianti da Milton a Joyce, rompe i confini dei generi letterali.
29,00

La Confindustria e lo sviluppo economico italiano. Gino Olivetti tra Giolitti e Mussolini

di Eleonora Belloni

editore: Il mulino

pagine: 303

È sorprendente il silenzio sin qui serbato dalla storiografia su una figura che ha segnato l'esordio di Confindustria, e ne ha attraversato anni cruciali: Gino Olivetti (1880-1942), promotore della Confederazione italiana dell'industria e suo segretario generale dal 1910, anno della fondazione, al 1934. Ventiquattro anni che vedono una guerra mondiale, la crisi dello Stato liberale, l'entrata in scena e il consolidarsi del regime fascista. Anni, quelli di inizio secolo, in cui la difficile congiuntura economica unitamente all'organizzarsi del movimento operaio e all'incremento delle agitazioni del lavoro - spinge la classe imprenditoriale a serrare le file e a dotarsi di una struttura in grado di coordinarne l'azione: così da presentarsi compatta sul mercato e sulla scena sociale, sia nei confronti dell'interlocutore politico, sia di fronte al sempre più minaccioso movimento operaio. Fin dai suoi primi passi l'associazionismo padronale si avvale dell'opera, insieme pratica e di elaborazione concettuale, di Gino Olivetti, che ne indirizzerà il cammino per lungo tempo. Se ne andrà, poi, Gino Olivetti, esule in Argentina per fuggire - lui di origini ebree - le persecuzioni razziali. Ma avrà lasciato un segno. Questo volume rievoca la sua vicenda umana e professionale, rendendo in qualche modo giustizia a quella che fu una delle figure di riferimento per l'industria italiana del Novecento.
24,00

Supply China management. Strategia, approvvigionamenti e produzione: opportunità e sfide per le imprese italiane nel paese del dragone

editore: Il mulino

pagine: 207

Nell'era della globalizzazione anche le imprese italiane allargano il perimetro del loro sistema del valore alla ricerca di fornitori competitivi, più favorevoli condizioni operative e nuovi sbocchi commerciali. Sulle ali della sua vorticosa ascesa economico-industriale la Cina è il paese che più di ogni altro offre opportunità a questa nuova frontiera della strategia d'impresa, ma è anche un contesto complesso, rischioso, distante culturalmente ancor più che geograficamente. Il libro - che in un solido quadro teorico presenta dieci casi aziendali fra i più significativi del panorama italiano - racconta, analizza e compara l'evoluzione della supply chain di chi in Cina ha deciso di produrre, comprare e vendere, con un originale e pragmatico percorso alla scoperta di cosa fare (e non fare) per vincere la sfida della competitività.
17,00

Giurisdizioni di legittimità e regole di accesso. Esperienze europee a confronto

editore: Il mulino

pagine: 244

Nel processo italiano, l'accesso alla Cassazione - il ricorso alla Suprema Corte, unica in Roma, custode del diritto oggettivo
20,00

Democrazia

Storia e teoria di un'esperienza filosofica e politica

 

editore: Il mulino

pagine: 462

Il concetto di democrazia è divenuto, nel corso del Novecento, ingrediente irrinunciabile per l'autodefinizione di ogni e qual
34,00

Trieste multiculturale

Comunità e linguaggi di integrazione

 

editore: Il mulino

pagine: 266

Trieste, divenuta porto franco nel 1719, rappresenta, per la collocazione geografica e la sua storia, un luogo di incontro di
20,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.