Il tuo browser non supporta JavaScript!

Soundtrax. La musica d'arte del '900 nel grande cinema

Soundtrax. La musica d'arte del '900 nel grande cinema
titolo Soundtrax. La musica d'arte del '900 nel grande cinema
Autore
Argomento Scienze Umane Comunicazione
Collana Rumori, 1
Editore Auditorium
Formato Libro
Pubblicazione 2020
ISBN 9788898599639
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
20,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
"Per quanto bravi possano essere i nostri compositori di musica da film, non sono Beethoven, Mozart o Brahms. Quindi perché usare musica meno bella quando abbiamo a disposizione una enorme quantità di ottima musica per orchestra sia del passato che del nostro tempo? Durante l'editing di un film, è molto utile poter provare brani musicali differenti e vedere come funzionano con le singole scene. Si tratta di una pratica piuttosto comune. Bene, con un po' più di impegno e attenzione, queste tracce musicali provvisorie possono diventare la colonna sonora definitiva. Una volta completato l'editing di 2001: A Space Odyssey, avevo brani provvisori per quasi tutta la musica del film. Quindi, com'è d'abitudine, ho commissionato la partitura a un illustre compositore di colonne sonore. Sebbene entrambi avessimo esaminato con grande cura la pellicola, e lui avesse ascoltato tutte queste tracce temporanee (Strauss, Ligeti, Khatchaturian) trovandosi d'accordo con me che funzionavano benissimo come guida per ciascuna sequenza, ciononostante scrisse e registrò una partitura che non poteva risultare più lontana da quanto avevamo ascoltato, e ancor peggio, una partitura che, secondo me, era del tutto inadeguata al film. Con l'avvicinarsi della prima, non c'era nemmeno il tempo di pensare a una nuova partitura, e se non avessi potuto usare la musica che avevo già scelto come provvisoria, non so come avrei fatto." (Stanley Kubrick)
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.