Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Kant. Che cosa significa orientarsi nel pensare?

Kant. Che cosa significa orientarsi nel pensare?
titolo Kant. Che cosa significa orientarsi nel pensare?
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Filosofia
Collana Universale, 84
Editore Studium
Formato
libro Libro
Pagine 240
Pubblicazione 2017
ISBN 9788838245428
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
19,50
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
«Da me non imparerete filosofia; ma imparerete a filosofare, non a ripetere pensieri, ma a pensare». Con queste parole Kant si rivolgeva spesso ai suoi allievi durante le lezioni universitarie presso l'Università di Königsberg. Il pensiero critico, la libertà creativa e l'autonomia della ragione sono un orizzonte centrale della filosofia kantiana che viene sviluppato nel saggio "Che cosa significa orientarsi nel pensare?" pubblicato nel 1786 nella «Berlinische Monatsschrift». L'originalità e la novità di questo scritto, oltre al triplice rapporto semantico tra il concetto dì possibilità soggettiva, la nozione di limite e un processo di ricerca riflessivo-trascendentale, sta nelle indicazioni di estremo interesse che Kant ci offre riguardo a come sia possibile «orientarsi» nella ricerca delle diverse condizioni che definiscono, costituiscono e determinano i diversi campi, ambiti e limiti di possibilità in una filosofia trascendentale.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.