Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Bioeconomia. La chimica verde e la rinascita di un'eccellenza italiana

Bioeconomia. La chimica verde e la rinascita di un'eccellenza italiana
titolo Bioeconomia. La chimica verde e la rinascita di un'eccellenza italiana
Autori , ,
Argomento Diritto, Economia e Politica Economia
Collana Saggistica ambientale
Editore Edizioni Ambiente
Formato
libro Libro
Pagine 175
Pubblicazione 2015
ISBN 9788866271437
 
Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
18,00
Il cambiamento in corso oggi è radicale: passando dalla petrolchimica a processi produttivi che utilizzano materie prime vegetali la chimica sta ridisegnando la propria identità. Biopolimeri, biocarburanti, biocombustibili, biolubrificanti: il prefisso "bio" dimostra che l'economia può (e deve) rapportarsi alla società e al territorio in cui colloca le proprie attività e da cui trae le risorse di cui ha bisogno, creando occupazione, profitti e innovazione. Le risorse della bioeconomia offrono tre vantaggi cruciali: sono potenzialmente non esauribili, in genere inquinano molto meno dei loro omologhi fossili e, infine, sono producibili sul territorio e possono quindi garantire maggiore autonomia economica. Mettendo le risorse rinnovabili e i rifiuti alla base dei prodotti di domani si apre una straordinaria sfida economica ed ecologica. Esiste dunque un'alternativa tra corsa alla distruzione di risorse e decrescita. È quella indicata da Nicholas Georgescu-Roegen, l'inventore del termine bioeconomia, osservando che l'energia libera a cui l'uomo può accedere proviene da due fonti distinte: "La prima è uno stock, lo stock di energia libera dei giacimenti minerari nelle viscere della Terra. La seconda fonte è un flusso, quello delle radiazioni solari intercettato dalla Terra". Prefazione di Gunter Pauli.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.