I mostri. Come uscire dal labirinto che abbiamo costruito

I mostri. Come uscire dal labirinto che abbiamo costruito

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
15,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Esistono alcuni miti nel nostro paese che impediscono la crescita economica, ci allontanano dall'Europa e, soprattutto, rendono sempre più fragile il legame tra i cittadini e le istituzioni. Questi miti sono i nostri mostri. Negli ultimi decenni gli italiani si sono assuefatti a un modo di guardare alla politica che li affascina e poi li pietrifica, come se subissero lo sguardo di Medusa, incapaci di tagliare la testa alla Gorgone che incarna i loro vizi. E poi c'è l'insofferenza profonda per le aspettative tradite: un sentimento bruto e cieco, capace della ferocia del Minotauro. D'altra parte, l'Italia è il paese della grande bellezza: la classe dirigente e i media sono cinici e nichilisti come Narciso. Oltre alla propria immagine riflessa, tutto il resto è brutto e sporco. E questo atteggiamento ha spinto il paese nel pantano della rassegnazione. La frattura che allontana le istituzioni dai cittadini è la stessa che separa il progresso dalla società: se il progresso avanza troppo velocemente rispetto alla capacità della società di comprenderlo e dirigerlo, i cittadini si sentono spossessati del loro destino. La paura, la chiusura e l'aggressività sono reazioni inevitabili. Per costruire un percorso di cambiamento la fiducia è la condizione fondamentale. Carlo Calenda per la prima volta scrive un libro politico dedicato all'Italia e alle chimere profonde che ne fanno un paese immobile. Con una nuova crisi economica più volte annunciata, non possiamo più permetterci di ignorarle. La cattiva notizia è che questi mostri convengono a qualcuno. Quella buona è che si possono combattere.