Il tuo browser non supporta JavaScript!

Infamanti dicerie. La prima autodifesa ebraica dall'accusa del sangue

titolo Infamanti dicerie. La prima autodifesa ebraica dall'accusa del sangue
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Religione
Collana Lapislazzuli
Editore Edb
Formato Libro
Pagine 136
Pubblicazione 2014
ISBN 9788810558171
 
Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
12,00
Nel 1681 viene pubblicato ad Amsterdam il primo trattato con cui gli ebrei si difendono dall'accusa infamante di uccidere bambini cristiani e di usarne il sangue per scopi rituali. Diffusa in Europa già dal XII secolo, sostenuta da dicerie popolari e alimentata da canti, racconti, xilografie e sermoni, l'accusa provoca comprensibili effetti di destrutturazione delle comunità israelitiche e favorisce, in campo cristiano, la devozione nei confronti delle giovani vittime. Intitolato Vindex Sanguinis e firmato da Isaac Viva probabilmente uno pseudonimo - il trattato si regge su analisi storiche e argomentazioni razionali che producono un sapiente capovolgimento di ruoli: i primi cristiani, incolpati di omicidio rituale dai pagani, avrebbero trasferito sugli ebrei l'"accusa del sangue" trasformandosi, a propria volta, in persecutori.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.