Il tuo browser non supporta JavaScript!

Pittura di paesaggio e scenografia teatrale. Teoria e pratica artistica (1580-1640)

Pittura di paesaggio e scenografia teatrale. Teoria e pratica artistica (1580-1640)
titolo Pittura di paesaggio e scenografia teatrale. Teoria e pratica artistica (1580-1640)
Autore
Argomento Letteratura e Arte Arte
Editore De Luca Editori d'Arte
Formato Libro
Pagine 160
Pubblicazione 2022
ISBN 9788865574997
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
40,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
Il volume presenta un'inedita analisi dello sviluppo della pittura di paesaggio in relazione alle forme della scena boscareccia, nel periodo compreso tra il 1580 e il 1640, decenni cruciali per le ricerche dei pittori paesaggisti in Italia e per lo sviluppo della scenotecnica barocca. Il ruolo degli apparati e della prospettiva delle scene nell'evoluzione del genere della pittura di paesaggio è indagato sulla scorta delle teorie espresse nelle Considerazioni sulla pittura da Giulio Mancini, medico di Urbano VIII e celebre intendente d'arte nella Roma del primo Seicento. Dalle pastorali ferraresi ai grandi allestimenti medicei di Giulio Parigi, l'immagine del paesaggio sui palchi dei teatri delle corti italiane è ricostruita e documentata nel volume attraverso una cospicua varietà di fonti e materiali grafici. Il costante dialogo tra le arti e la conoscenza delle pratiche teatrali da parte dei pittori, che emergono nell'analisi, consentono di comprendere l'origine e lo sviluppo del processo di geometrizzazione del paesaggio nella rappresentazione della natura in età moderna. Dalla scena alla tela, il percorso culmina nei due celebri quadri Roscioli di Poussin, momento fondativo del linguaggio formale della pittura di paesaggio nel Seicento.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.