Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Critica della filosofia italiana contemporanea. Dialettica e ontologia: i termini di una contrapposizione

titolo Critica della filosofia italiana contemporanea. Dialettica e ontologia: i termini di una contrapposizione
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Filosofia
Collana Saggistica
Editore Marietti 1820
Formato
libro Libro
Pagine 168
Pubblicazione 2007
ISBN 9788821165375
 
Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
18,00
Il saggio affronta criticamente personaggi e problemi della filosofia italiana degli ultimi vent'anni. Non una rassegna di temi e autori, ma un confronto ravvicinato con un nucleo selezionato di pensatori: Emanuele Severino, Gennaro Sasso, Massimo Cacciari ed Andrea Emo, oltre alla conclusione su Giovanni Semerano. Temi classici come quelli dell'"essere", del "fondamento", della "verità" sono affrontati con rigore a partire dai classici, da Platone ed Aristotele a Hegel, ma per giungere fino ai ponderosi "Quaderni di metafisica" di Andrea Emo, di cui l'Autore produce per la prima volta un'analisi sistematica. Il libro ha un taglio teoretico, ma è finalizzato ad una rivalutazione della modernità, regolarmente criticata dal pensiero egemone nel '900 (se ne vedono i riflessi nel pensiero di Cacciari o dello stesso Emo). Un'operazione teorica che ha dunque una ricaduta anche in termini politici, come risulta dalle pagine sulla democrazia, sul ruolo delle élites, sul concetto di "altro" e di nemico. Intento dichiarato dell'Autore è individuare le ragioni teoriche profonde di una possibile e anzi urgente rifondazione della politica.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.