Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Quasi-cose

Quasi-cose
titolo Quasi-cose
sottotitolo La realtà dei sentimenti
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Filosofia
Collana Saggi
Editore Mondadori bruno
Formato
libro Libro
Pagine 152
Pubblicazione 2013
ISBN 9788861597693
 
Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
19,10
Cosa sono le quasi-cose? Anzitutto le atmosfere, cioè i sentimenti effusi nello spazio e che di solito non possiamo modificare, ma anche il dolore, la cui aggressività costituisce al tempo stesso una garanzia identitaria del soggetto. E poi la vergogna, sia personale sia vicaria (quella che proviamo per chi "dovrebbe" vergognarsi!), il corpo proprio, le cui "isole" eccedono gli organi del corpo fisico, lo sguardo, tanto aggressivo, nella vita quotidiana come nel ritratto, da produrre un'emorragia della nostra identità, e infine la luce crepuscolare nella sua suggestiva vaghezza. Tutti noi descriviamo le quasi-cose, le collochiamo in uno spazio, riconosciamo loro un'identità intersoggettiva e amodale, e soprattutto ne avvertiamo affettivamente l'invadenza. Sebbene effimere, intermittenti e prive di una causa loro esterna, le quasi-cose instaurano infatti una specifica comunicazione col corpo proprio di chi percepisce, generando lo spazio affettivo in cui questi si trova e che in vario modo lo condiziona. A una filosofia che non sia esercizio astratto, ma riflessione su come ci si sente qui e ora, spetta allora riconoscere che delle quasi-cose e delle qualità affettive che esse generano non può fare a meno nessun repertorio ontologico degno di questo nome.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.