Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

La coscienza infelice nella filosofia di Hegel

La coscienza infelice nella filosofia di Hegel
titolo La coscienza infelice nella filosofia di Hegel
Autore
Traduttore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Filosofia
Collana I timoni
Editore Castelvecchi
Formato
libro Libro
Pagine 264
Pubblicazione 2024
ISBN 9788832908022
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
25,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
La coscienza infelice nella filosofia di Hegel inaugurò, negli anni Trenta del Novecento, la stagione dello hegelismo in Francia. Leggere Hegel attraverso il prisma della teologia cristiana fu una scelta teorica che, data la sua provocatoria radicalità, non si ripeté più «nella storia delle inter-pretazioni hegeliane». Con spirito innovatore, Jean Wahl restituisce le tortuose dinamiche e le tante anime che muovono il filosofo tedesco a partire da¬gli scritti teologici giovanili. Ed è proprio nella lettu¬ra hegeliana del cristianesimo che si manifestano i «misteri della sua filosofia e la chiave per afferrare il suo atteggiamento verso la singolarità». Si scopre così, nel commento alla Fenomenologia dello Spi¬rito, lo sviluppo dei capisaldi del pensiero hegelia¬no: la nozione di "coscienza infelice", il movimento dell'Idea, la contraddittorietà dell'autocoscienza, il perpetuo superamento dei contrari. Un'intuizione esegetica, quella di Jean Wahl, che anticipò le cele¬bri lezioni parigine di Alexandre Kojève, e destinata a influenzare il pensiero dei maggiori intellettuali francesi del Ventesimo secolo, da Emmanuel Lévi¬nas a Jean-Paul Sartre. Prefazione di Paolo Vinci.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.