Il tuo browser non supporta JavaScript!

Lo sterco del diavolo. Il denaro nel Medioevo

Lo sterco del diavolo. Il denaro nel Medioevo
titolo Lo sterco del diavolo. Il denaro nel Medioevo
autore
argomento Storia, Religione e Filosofia Storia
collana Economica laterza
editore Laterza
formato Libro
pagine XV-219
pubblicazione 2012
ISBN 9788842098683
 

Scegli la libreria

11,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
Il denaro nel senso in cui lo intendiamo oggi è un prodotto della modernità. Non è un protagonista di primo piano del Medioevo, né dal punto di vista economico e politico né da quello psicologico ed etico; è meno importante e meno presente di quanto non lo fosse nell'Impero romano, e soprattutto assai meno centrale di quanto non diventerà nei secoli successivi. Dai pulpiti medievali risuona la condanna dell'avarizia come peccato capitale e le parole dei monaci e dei frati elogiano la carità ed esaltano la povertà come ideale incarnato da Cristo. Non l'accumulo, non la ricchezza garantiscono il buon vivere. La salvezza è nel dono e nel sostegno ai deboli. La pecunia è maledetta e sospetta, perché né il denaro né il potere economico sono arrivati a emanciparsi dal sistema globale di valori proprio della religione e della società cristiana. La moneta sonante tornerà a girare con i rifornimenti di metallo prezioso, con lo sviluppo dell'economia cittadina, con la fondazione alla fine del XV secolo di istituti di credito per la sussistenza di molti poveri e con la nascita di una sorta di mercato unico. Sarà una rivoluzione lenta e silenziosa a modificare i pensieri delle donne e degli uomini del Medioevo e della stessa Chiesa, una rivoluzione che ha nome "capitalismo".
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.