Il tuo browser non supporta JavaScript!

La virtù eloquente. La «civil conversazione» nel Rinascimento

novità
La virtù eloquente. La «civil conversazione» nel Rinascimento
titolo La virtù eloquente. La «civil conversazione» nel Rinascimento
autore
argomento Letteratura e Arte Letteratura e Linguistica
collana Clavis, 12
editore Scuola Normale Superiore
formato Libro
pagine 434
pubblicazione 2021
ISBN 9788876426629
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
30,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Hegel nelle "Lezioni di storia della filosofia" guarda a Socrate e ai suoi interlocutori nei testi di Platone come a «figure plastiche della conversazione». Parole in azione: negazione della «melanconica morale». Coincidenza di conversazione e filosofia. Come ribadiscono i suoi teorici, la «civil conversatione» è essenzialmente «lingua» e «costumi» e ridefinisce, quindi, il soggetto come linguaggio e come essere morale, armonia e corrispondenza etica ed estetica di parole e azioni. Dunque, se la civilitas, la «buona creanza», lamentava Erasmo, è regione trascurata della filosofia, regione «umile» di una virtù eloquente, essa postula del pari la coincidenza di buone qualità e belle maniere: «abito della virtù». Se ne ricorderà Kant. Progetto anche ideologico, congiunge nella «dignità del moderno» ideali educativi, architettonici, linguistici ed estetici. La retorica della conversazione diviene così retorica della ragion pratica, tra natura e storia.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.