Il tuo browser non supporta JavaScript!

Geel, la città dei matti. L'affidamento familiare dei malati mentali: sette secoli di storia

novità
Geel, la città dei matti. L'affidamento familiare dei malati mentali: sette secoli di storia
titolo Geel, la città dei matti. L'affidamento familiare dei malati mentali: sette secoli di storia
autore
argomento Scienze Umane Antropologia
collana Studi storici carocci, 338
editore Carocci
formato Libro
pagine 304
pubblicazione 2020
ISBN 9788829000951
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
31,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
"Matti" - nel tempo: fatui, ossessi, furiosi, invasati, lunatici; mentecatti, pazzi, folli, alienati, dementi, maniaci; poi anormali, malati di mente, e oggi, infine, disturbati psichici - erano le migliaia di donne e di uomini portati a Geel - borgo delle Fiandre - e qui accolti, ospitati, affidati alle famiglie del centro e del contado, fino alla guarigione o alla morte. "Matti" però anche, per gli altri belgi, gli abitanti di Geel, che per sette secoli hanno praticato quello che sarà definito "trattamento familiare della follia". Legata originariamente al culto salvifico di una santa - Dimpna, principessa irlandese vittima di incesto -, questa esperienza unica ha riguardato decine di migliaia di malati e minorati, ha resistito a guerre, riforme, rivoluzioni, per poi essere regolamentata dallo Stato e diventare, ancora nel XXI secolo, un'attività diffusa, protetta e regolata fino all'attuale Openbaar Psychiatrisch Zorgcentrum (OPZ; Centro pubblico di cura psichiatrica), un modello di accoglienza eterofamiliare sostenuto e raccomandato dall'Organizzazione mondiale della sanità. Il libro per la prima volta in assoluto, basandosi su una ricchissima documentazione archivistica e medica, ma anche giornalistica e letteraria, ricostruisce l'intera vicenda, un capitolo importante ma poco noto della psichiatria, che nell'Ottocento si trovò al bivio: fare come a Geel o confinare i malati di mente nelle istituzioni chiuse, ovvero nei manicomi.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.