Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Ermeneutica della persona. Individuo, sostanza e persona dall'antichità a Heidegger

Titolo Ermeneutica della persona. Individuo, sostanza e persona dall'antichità a Heidegger
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Filosofia
Editore Cattedrale
Formato
libro Libro
Pagine 144
ISBN 9788895449357
 
Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
15,00
Nel teatro si attribuiva alla maschera la funzione di amplificare la voce, donde la derivazione del verbo "personare", che indicava appunto il rafforzamento del suono della voce, necessario all'attore per esibirsi in pubblico. Ciò s'accompagnava anche all'esigenza d'ingrandire la figura dell'attore aumentandone la statura con i "coturni", come rileva ad esempio Seneca nell'Epistola 76, 31, quando, muovendo da considerazioni etiche, rivolgendosi a Lucilio scrive: "nessuno di coloro che vedi vestiti di porpora è felice. Non è più felice degli attori che portano sulla scena lo scettro e la clamide; dopo essere apparsi alla presenza del pubblico ingigantiti dai coturni, escono, si tolgono le calzature tragiche e tornano alla loro vera statura". Nell'antichità, dunque, la persona non aveva una propria autonoma consistenza, se non quella di strumento utilizzabile nella rappresentazione, nella finzione scenica. La maschera velava di fatto l'individualità di colui che l'indossava, nascosta dietro la figura del personaggio, con cui finiva per identificarsi.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.