Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

L'amore, le Muse, la bellezza, l'incanto, il rito

L'amore, le Muse, la bellezza, l'incanto, il rito
titolo L'amore, le Muse, la bellezza, l'incanto, il rito
Autore
Curatore
Argomento Letteratura e Arte Classici
Collana Letteratura universale
Editore Marsilio
Formato
libro Libro
Pagine 104
Pubblicazione 2024
ISBN 9788829720750
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
12,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Come non riconoscere lo spirito di Orfeo nell'incanto della parola-musica di Saffo, quando ci conduce alla contemplazione dell'attimo eterno in cui la luna piena trionfa sugli astri, inargentando il cielo, o quando ci fa partecipi del piccolo estasiato éranos, il banchetto nel verde del bosco accompagnato dal mormorio gentile di un ruscello silvestre? Di stirpe aristocratica, Saffo nacque a Ereso, vicino a Mitilene, nell'isola di Lesbo, e fiorì tra la fine del secolo VII e l'inizio del VI a. C. Fu erede - l'unica, a differenza per esempio di Diotima, iniziatrice di Socrate ai misteri di Eros, di cui ci siano giunte parole scritte - di quell'epoca della cultura e della spiritualità ellenica in cui la trasmissione dei culti, delle iniziazioni e degli insegnamenti era affidata prevalentemente a figure femminili. Saffo dagli occhi di viola fu direttrice e sacerdotessa di un tiaso consacrato ad Afrodite, alle Muse e alle Cariti, e maestra di giovani donne che venivano da lei per essere educate alla poesia, alla danza, alla musica, al rito, e preparate al ruolo futuro nella famiglia e nella società. Come nella paideía virile, anche nel tiaso femminile l'educazione e l'iniziazione potevano implicare rapporti omoerotici. Saffo cantava, o cantilenava, accompagnata dalla lira, parole in musica, musica in parole che calamitano l'ascoltatore-lettore in una trama armonica, come lo sfondo stesso della vita nella visione orfica. In questo bordone sonoro si incastona, evocato da esso e insieme evocandolo, lo stato di coscienza unitaria e insieme intensamente intrisa di amore per la vita e passione a cui Saffo ci convoca, tuttora, dal tempo senza tempo, con uno sguardo baciato dalle Muse e dalle Cariti, che valica i millenni e ci restituisce intatta, sorgiva, la sua esperienza, illuminata dalla pupilla lucente della Dea, che consacra ogni vissutezza.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.