Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Tra scienza e lettere. Giovannino Gentile (e Cantimori e Majorana)

Tra scienza e lettere. Giovannino Gentile (e Cantimori e Majorana)
titolo Tra scienza e lettere. Giovannino Gentile (e Cantimori e Majorana)
Autore
Argomento Storia, Religione e Filosofia Storia
Collana BIBLIOTECA DI NUOVA STORIA CONTEMPORANEA
Editore Le Lettere
Formato
libro Libro
Pagine 184
Pubblicazione 2007
ISBN 9788860870308
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
16,50
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
Giovannino Gentile (1906-1942), figlio del filosofo Giovanni, è stato uno dei primi fisici teorici italiani. Allievo della Normale di Pisa dove si legò di amicizia fraterna a Delio Cantimori, entrò nel '28 all'Istituto romano di fisica diretto da Orso Mario Corbino. Legato da allora ad Ettore Majorana da un'amicizia profonda, avviò ricerche sull'atomo che rimangono nella storia della grande fisica nucleare. Con Majorana e Cantimori coltivò discipline letterarie e filosofiche dando vita ad un sodalizio epistemologico e politico progressivamente distante da quello della fisica romana guidato dagli "sperimentalisti" Fermi e Rasetti. Insieme testimoniarono esplicitamente il tortuoso percorso politico giovanile fascista, tra entusiasmi e dubbi, antisemitismo e antirazzismo. Il volume ricostruisce il tracciato biografico, politico e scientifico, del giovane scienziato attraverso una ricca documentazione da cui si chiariscono anche le polemiche innescate da Sciascia in merito alla malavita universitaria gestita da Enrico Fermi nelle vesti di un improbabile "padrino". Ma la documentazione prodotta offre ulteriori elementi per far luce sulla misteriosa fine di Majorana.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.