Il tuo browser non supporta JavaScript!

Pensieri vegetariani. Cosa c'è di più abominevole che nutrirsi continuamente di cadaveri?

Pensieri vegetariani. Cosa c'è di più abominevole che nutrirsi continuamente di cadaveri?
titolo Pensieri vegetariani. Cosa c'è di più abominevole che nutrirsi continuamente di cadaveri?
autore
argomento Storia, Religione e Filosofia Filosofia
collana Elementi
editore Piano B
formato Libro
pagine 112
pubblicazione 2016
ISBN 9788899271886
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
12,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
Cosa c'è di più abominevole che nutrirsi continuamente di cadaveri? L'autore di questa domanda così attuale, espressa in uno scritto "dimenticato" all'interno della sua vasta bibliografia è, contro ogni previsione, Francois-Marie Arouet, in arte Voltaire, il padre dell'illuminismo europeo. Con "Pensieri vegetariani" Voltaire riesce a far riflettere sulla moderna zootecnia e le odierne "fabbriche del cibo", dove gli animali sono degradati dall'inizio alla fine del loro "ciclo produttivo" a meri oggetti posti al servizio dell'uomo. Poco nota e ancor meno studiata è infatti la posizione vegetariana e animalista che Voltaire assunse soprattutto durante gli ultimi 20 anni della sua vita. Brevi estratti, dialoghi e racconti sparsi in opere completamente diverse fra loro per stile e oggetto, che sono però sufficientemente espliciti per rintracciare all'interno della sua opera un corpus di scritti omogeneo e di sorprendente attualità in chiave vegetarista e animalista: Voltaire fu forse il primo filosofo "vegetariano" della modernità.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.