Il tuo browser non supporta JavaScript!

Bollati Boringhieri: Universale Bollati Boringhieri-S. scient.

Canone buddhistico. Testi brevi: Dhammapada, Itivuttaka, Suttanipata

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 362

Sono qui raccolte tre gemme dell'intera letteratura religiosa orientale
18,00

Il Nobel dimenticato. La vita e la scienza di Camillo Golgi

di Paolo Mazzarello

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 662

Esistono in campo scientifico tra le rivalità professionali più accese
27,00

I gradi dell'organico e l'uomo. Introduzione all'antropologia filosofica

di Helmuth Plessner

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 438

Scritto sotto l'impulso «delle profonde tensioni allora esistenti fra scienze della natura e filosofia», "I gradi dell'organic
25,00

Arti del metallo e alchimia

di Mircea Eliade

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 189

Diviso in due parti, una sorta di dittico, "Arti del metallo e alchimia" rappresenta la summa del pensiero e degli studi di Mi
18,00

Il pensiero greco da Anassimandro agli stoici

di Carlo Diano

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 202

La grecità che ci viene incontro in questo saggio capitale di Carlo Diano non ha nulla di acquietato, ma «accade» ancora sotto
16,00

Linguaggio, pensiero e realtà

di Benjamin L. Whorf

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 270

Che il nostro pensiero venga influenzato dalla lingua che parliamo, ovvero che sia la grammatica a condizionare la nostra visi
17,50

Mysterium coniunctionis. Ricerche sulla separazione e composizione degli opposti psichici nell'alchimia

di Carl Gustav Jung

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 696

Nell'ampio panorama della produzione junghiana, il ?Mysterium coniunctionis" rappresenta l'opera più importante degli ultimi a
29,00

Dove va la matematica

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 329

È difficile pensare alla matematica come a una disciplina in continua evoluzione
18,00

Saggio di esposizione della teoria psicoanalitica

di Jung Carl G.

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 200

Un secolo fa, all'inizio del 1913, si consumava la rottura personale tra Freud e Jung, epilogo di una divergenza teorica non c
14,00

Simboli della trasformazione

di Carl Gustav Jung

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 624

Scritta di getto nel 1912, "esplosione di tutti i contenuti psichici che non potevano trovar posto nelle strettoie opprimenti della psicologia freudiana e della sua visione del mondo", quest'opera non ha segnato soltanto il distacco di Jung dal suo maestro, ma è diventata per lui una specie di programma di lavoro da svolgere nei decenni successivi. Lo spunto del libro è dato dall'esame di "alcuni esempi di immaginazione inconscia creativa": lo scritto autobiografico di una giovane poetessa americana, indicata come Miss Miller. L'analisi di queste fantasie consente a Jung di cogliere straordinarie somiglianze tra mitologemi di varia origine, studiati con prodigiosa ampiezza di riferimenti culturali. Così facendo, Jung giunge ad ampliare il concetto freudiano di "libido", e a individuare quei funzionamenti della psiche collettiva che definirà "archetipici".
25,00

L'espressione delle emozioni nell'uomo e negli animali

di Charles Darwin

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 508

Pubblicato nel 1872, l'anno successivo all'"Origine dell'uomo", questo testo darwiniano è rivoluzionario in molti sensi. Nella tesi, innanzi tutto, che porta a compimento il lavoro iniziato oltre quarant'anni prima - coi primi abbozzi dell'"Origine delle specie" - e dimostra la possibilità di analizzare dal punto di vista naturalistico non solo le specie viventi, non solo l'uomo, ma persino i suoi più intimi moti di coscienza, traditi da espressioni emotive che Darwin mette abilmente in continuità con quelle degli altri animali. Dopo questo libro all'uomo non resta più nulla di peculiare o "divino". Ma anche dal punto di vista metodologico il libro è di una modernità sconcertante: il primo a fare ricorso estesamente alla fotografia per uno scopo scientifico, il primo a basarsi su sondaggi prestampati, pratica ormai comune in tutti gli studi di psicologia. È il Darwin della piena maturità, per metà scienziato e per metà filosofo, innovatore rivoluzionario eppure cauto, sempre attento a fondare su basi empiriche più che salde le sue speculazioni. Con introduzione, postfazione e commenti di Paul Ekman e con un saggio sulla storia delle illustrazioni di Philip Prodger.
20,00

Atti linguistici. Saggi di filosofia del linguaggio

di John R. Searle

editore: Bollati Boringhieri

pagine: 264

Parlare - l'avevano già detto Wittgenstein e Austin - è essenzialmente un modo di agire: allora l'unità fondamentale nello studio del linguaggio sono gli atti che si compiono parlando, gli atti linguistici. Ma quali sono le regole caratteristiche di questa forma di comportamento? Ed è possibile esplicitarle in modo sistematico? Dare una risposta affermativa e dimostrarla significa che, contro ogni apparenza, lo studio degli atti linguistici appartiene alla 'langue' e non alla 'parole'. L'impresa è possibile partendo dall'atto linguistico per eccellenza, l'illocuzione, cioè l'azione che si compie "nel" dire qualcosa, ad esempio facendo una promessa. Per Searle - che non ama i confini delle discipline - la filosofia del linguaggio è, in definitiva, un ramo della filosofia della conoscenza: deve studiare il problema dei rapporti tra mente e corpo, il problema del rapporto che intercorre tra le parole e la realtà.
17,50

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.