Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Altreconomia

Farsi un libro con gli scarti. Manuale di editoria casalinga: creare libri sorprendenti con avanzi di tipografia e con le mille cose che la gente butta

editore: Altreconomia

pagine: 72

Un manuale di autoproduzione casalinga libraria per imparare a "farsi i libri propri". Una ribellione anarco-editoriale guidata dai Troglodita Tribe, editori casalinghi di lungo corso. La filosofia e la tecnica del "libello creativo" - dal mail book al libroide mutante - rigorosamente fatto a mano, con materiali poveri e riciclati, cartoline, tessuti, radiografie e spettacolari interventi - collage, timbri, manipolazioni - che rendono unico e imperfetto ogni esemplare. E che risvegliano l'editore che è in ciascuno di voi.
5,00

Come passare al software libero e vivere felici. Piccolo manuale di indipendenza informatica

di Fausto Trucillo

editore: Altreconomia

pagine: 76

Ecco una guida che spiega anche ai non esperti come passare al software libero senza faticare e senza dover imparare nulla di complicato. Oggi esistono centinaia di programmi "liberi", che possono essere scaricati da Internet gratuitamente e sostituire del tutto quelli coperti da brevetto e pagati a caro prezzo. Scrivere, disegnare, comporre, fare calcoli, navigare in Internet, chattare, telefonare e controllare la posta elettronica non è mai stato così facile. Anche su cellulari, consolle e tablet pc.
4,00

Il cuoco leggero (2011). Manuale per un cibo ecologico, solidale e nonviolento quotidiano: 120 ricette veg-italiane

di Marinella Correggia

editore: Altreconomia

pagine: 104

Ll rispetto di madre terra come pane, e per companatico la giustizia globale: questo manuale mette in tavola un cibo \\diverso
5,00

In fuga dalla mia terra. Storie di uomini, donne e popoli che non si possono fermare

di Emiliano Bos

editore: Altreconomia

pagine: 144

Storie senza biglietto di ritorno. "In fuga dalla mia terra" è un reportage sulle tracce di uomini, donne e popoli che non si fermano davanti a nulla. Perché non possono: i luoghi da cui fuggono si chiamano Guerra, Fame, Miseria. Emiliano Bos incrocia il passo e le parole di "migranti", "profughi", "erranti", "irregolari". Mai di "clandestini", perché salvarsi la vita non può essere una colpa. S'imbarca sulle piroghe che dal Senegal salpano per le Canarie, s'inoltra nel Sahara sulle nuove navi del deserto; percorre la Moldavia delle madri in trasferta e sconfina in Transnistria, il Paese che non c'è, incrocia le rotte dei pirati tra Corno d'Africa e lo Yemen di al Qaeda; condivide l'attesa impotente di migranti d'ogni continente nelle "stazioni intermedie", Istanbul, sublime porta della Fortezza Europa, Calais con le sue baraccopoli a due passi dal sogno d'oltremanica, la Giordania, parcheggio per migliaia di profughi iracheni. E scopre che dopo i fatti di Rosarno - ma anche prima - si fugge dal nostro Paese. Per non perdere la rotta a ogni reportage affianca la sua "bussola", un quadro storico con fatti e numeri: per capire che i cosiddetti "flussi migratori" sono ormai "esodo", tumultuoso e inarrestabile.
13,00

Parole sporche. Clandestini, nomadi, vu cumprà: il razzismo nei media e dentro di noi

di Lorenzo Guadagnucci

editore: Altreconomia

Le parole sono importanti. E se giornali e Tv scrivono e parlano male è probabile che lettori e spettatori pensino male. "Parole sporche" dà conto di come e perché razzismo e xenofobia in Italia trovano spazio sui più importanti media, in bocca agli intellettuali e tra i cittadini. Lorenzo Guadagnucci passa in rassegna gli esempi più clamorosi dell'alleanza tra stampa mainstream e vox populi e addita le "parole sporche" da mettere all'indice. Come voltare pagina? L'autore racconta l'impegno di organizzazioni come Giornalisti contro il razzismo, Articolo 3, Cospe e propone la via di un consumo critico dell'informazione. Prefazione di Mohamed Ba, attore, musicista, mediatore culturale.
13,00

Anatomia della fame. Perché le catastrofi alimentari devastano il corpo del pianeta e come possiamo fermarle

di Vittorio Rinaldi

editore: Altreconomia

pagine: 192

Ogni giorno nel mondo un miliardo di uomini, donne e bambini hanno fame. Come si giustificano nel XXI secolo le carestie e la cronica penuria di cibo? Questo libro risponde a una domanda che è sulla bocca di tutti, raccontando i meccanismi globali e locali che affamano il Sud del mondo: gli appetiti dei governi e delle multinazionali, le guerre, le malattie. E spiega che per sfamare la Terra bisogna ripartire dalla sovranità alimentare e promuovere un "rinascimento" contadino. Vittorio Rinaldi, antropologo, già docente nelle Università di Verona, Milano Bicocca e Firenze. Esperto di cooperazione internazionale e sicurezza alimentare, è tra i curatori della campagna "D(i)ritto al cibo" di Altromercato.
15,00

Le donne reggono il mondo. Intuizioni femminili per cambiare l'economia

editore: Altreconomia

pagine: 128

Le donne reggono il mondo. Lavorano più degli uomini, si fanno carico del "welfare domestico" quotidiano, gestiscono l.economia e il denaro con più lungimiranza, in situazioni di crisi, in casa o nella propria azienda. Eppure in tutto il mondo guadagnano meno e sono meno rappresentate nelle istituzioni, nei Parlamenti e nei consigli d'amministrazione delle imprese. Queste pagine sono un punto di vista, diverso e plurale, per comprendere i motivi di tali diseguaglianze e "cucinare" un futuro diverso. 12 conversazioni per dare voce alle intuizioni di esperte e studiose le cui opinioni spesso si perdono tra quelle gridate degli uomini e che raccontano un.altra economia, fatta non solo di profitti, ma di relazioni, di cura delle intuizioni, di attenzione alle prossime generazioni. L'economia, il welfare, il lavoro, le leggi e la tutela dei diritti, l'accesso al cibo, i cambiamenti climatici, l'urbanistica in una prospettiva di genere e nelle parole di Simona Beretta, Marina Terragni, Ann Pettifor, Monica D'Ascenzo, Manuela Naldini, Francesca Bettio, Paola Villa, Beatrice Costa, Liana Ricci, Silvia Macchi e Stefania Scarponi. Elena Sisti si occupa di ricerca economica, è esperta in particolare di sviluppo e sostenibilità. Beatrice Costa si occupa di ricerca su diritti delle donne e politiche di genere per ActionAid.
12,00

L'erba del vicino. Manuale per la raccolta e l'uso conviviale di erbe e frutti selvatici

di Elisa Nicoli

editore: Altreconomia

pagine: 80

L`eden era selvatico, non coltivato! \\l`erba del vicino\\ e` il manuale pratico di raccolta e uso d`erbe e frutti selvatici:
5,90

Il frutto ritrovato. Mappa della biodiversità in Italia: vademecum per scoprire e salvare semi e frutti dimenticati

di Chiara Spadaro

editore: Altreconomia

pagine: 80

Sapete come si diventa "custodi di semi"? Scopritelo sfogliando questo libro in un orto biodiverso, tra una mela annurca e una cicerchia. Una vera e propria "geografia" di semi e frutti antichi: storie di seed saver che coltivano varietà "clandestine", orti didattici, eventi sulla biodiversità in Italia. Come scambiare semi o produrre sul proprio balcone. Perché non si può vivere senza differenze.
5,90

I vestiti nuovi del consumatore. Guida ai vestiti solidali, biologici, recuperati: per conciliare estetica ed etica nel proprio guardaroba

di Deborah Lucchetti

editore: Altreconomia

pagine: 96

È l'ora del cambio di stagione. Questo libro è un prezioso vademecum per rinnovare il guardaroba, coniugando lo stile con il rispetto per l'ambiente e le persone. Una trama che prima svela l'iniquo sistema delle multinazionali tessili e poi spiega i criteri per fare la rivoluzione nel proprio armadio. Per passare dal dire all'indossare trovate qui indirizzi di 100 realtà produttori, negozi e siti web - con abiti e accessori equi e solidali, biologici e naturali, riciclati o riusati in modo creativo.
5,90

Imbrocchiamola! Dalle minerali al rubinetto, piccola guida al consumo critico dell'acqua

di Luca Martinelli

editore: Altreconomia

pagine: 64

Dal rubinetto del 96 per cento degli italiani esce acqua potabile. Eppure siamo tra i maggiori consumatori d'acqua minerale. Questa guida racconta una limpida verità: dagli acquedotti esce un'acqua buona e sicura ma le aziende imbottigliatrici, a colpi di spot, impongono ai consumatori la minerale in bottiglia, cara e poco sostenibile. Scheda per scheda tutte le aziende che si spartiscono un mercato da 3 miliardi di euro lasciando allo Stato le briciole. Ma non ditelo in giro. Acqua in brocca.
3,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.