Il tuo browser non supporta JavaScript!

Diabasis

Il mestiere di capo. Essere manager, diventare leader

di Benedino Calzolari

editore: Diabasis

pagine: 144

Un vademecum per il "nuovo" capo e per tutti coloro che devono raggiungere obiettivi nella vita professionale. Muovendo da una efficace analisi degli aspetti tecnici, psicologici e organizzativi che sovrintendono il comando e il coordinamento di altre persone, questo manuale fornisce le indicazioni necessarie per svolgere il mestiere di leader senza perdere di vista il fattore umano. Con esposizione semplice e discorsiva il libro affronta i diversi aspetti del "mestiere": programmare e poi coordinare il lavoro delle organizzazioni complesse e di un gruppo ristretto; analisi e elaborazione di un piano finanziario; lavorare con le risorse che si hanno e con quelle che... non si hanno; decidere e applicare la decisione; come si diventa leader; come si scelgono e come si valutano i collaboratori.
18,00
16,00
22,00

La rivoluzione

di Gustav Landauer

editore: Diabasis

pagine: 147

Ne "La rivoluzione" (1907) Landauer ricostruisce un processo che attraversa i tempi moderni, aperto a esiti imprevedibili. In esso è sempre attiva la forza dell'utopia, ma i termini "utopia" e "rivoluzione" non si corrispondono pienamente. Se la prima rimanda al ruolo attivo dell'impossibile nel determinare realtà nuove in ogni tempo, la rivoluzione in senso proprio appartiene solo all'epoca moderna dell'individualismo. E di questo mantiene l'ambivalenza. Essa si serve di strumenti politici e quindi non è in grado, come tale, di risolvere la questione sociale. Può conseguire risultati duraturi e non essere esposta a involuzioni oppressive a condizione che abbia luogo parallelamente, nella vita sociale, una "rigenerazione",ovvero la ricostituzione di una comunità spirituale in cui si conservi il ricordo di precedenti comunità. L'appendice di questo volume contiene un discorso tenuto nel 1919 da Martin Buber, discepolo di Landauer, per commemorare l'amico trucidato a Monaco dai "corpi franchi" dopo la breve esperienza della Repubblica dei Consigli.
10,00

Il bambino che viveva nello specchio

di Rocco Brindisi

editore: Diabasis

pagine: 175

Un quaderno di appunti accompagnati da brevi, brevissime storie, dove affiorano, tra l'altro, l'incantevole ironia dei bambini, le ferite che non osiamo chiamare "dolore". Principesse afgane scappate dai libri che le tenevano prigioniere; Gesù pellegrino che attraversa i boschi della Lucania, assieme a Lucifero, per vedere l'incrocio dei pali centrato dal leggendario Ciarlicià; bambini venuti da un pianeta dove non esistono ombre e dove gli abitanti sono stanchi di non morire...
15,00

Per il bene comune. Dallo stato del benessere alla società del benessere

di Bruno Amoroso

editore: Diabasis

pagine: 153

Una rilettura critica delle esperienze di welfare europeo e dei contributi teorici che hanno posto le basi per la loro trasformazione dallo Stato del benessere alla Società del benessere. Questi processi e elaborazioni vengono approfonditi alla luce della nuova fase dello sviluppo capitalistico imposto con la globalizzazione, con il suo tentativo di imporre una decrescita infelice, e dell'insorgenza di comunità e movimenti sociali che hanno rielaborato il progetto di welfare in direzione del Bene comune e dell'idea alternativa della Mondialità. Riflessione teorica e progetto politico si fondono in un testo scritto per chi vuole capire per agire.
12,50

Terrorismo umanitario. Dalla guerra del Golfo alla strage di Gaza

di Danilo Zolo

editore: Diabasis

pagine: 205

Il volume raccoglie una serie di saggi sul tema delle guerre di aggressione scatenate nell'ultimo ventennio dalle potenze occidentali in violazione del diritto internazionale. Le guerre "umanitarie" - dai Balcani all'Iraq, all'Afghanistan - sono state presentate come lo strumento principe della tutela dei diritti dell'uomo e dell'espansione della libertà e della democrazia. Si è trattato in realtà di conflitti fortemente asimmetrici, nei quali gli strumenti di distruzione di massa sono stati usati per fare strage di civili inermi, per diffondere il terrore, per distruggere le strutture civili e industriali di intere città e di interi paesi. Il fatto che in Occidente ci sia ancora chi continua a definire queste guerre "umanitarie" e persino "democratiche" - sostiene Zolo - chiarisce molto bene perché il global terrorism si sia diffuso in tutto il mondo sino a diventare la sola risposta tragica, impotente e nichilista - dei popoli oppressi. Sul piano teorico Zolo elabora una nozione di "terrorismo internazionale" profondamente diversa rispetto alle formule varate dagli Stati Uniti e accolte dalla maggioranza dei paesi europei e dei loro giuristi accademici.
17,00
18,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookies necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookies policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookies, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo avviso, navigando in questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookies.

Acconsento