Manifestolibri

La questione ebraica

La questione ebraica

editore: Manifestolibri

pagine: 221

Per la prima volta in edizione italiana il testo completo della polemica sulla "questione ebraica" tra Karl Marx e Bruno Bauer. Una discussione che, partendo dal tema dell'emancipazione degli ebrei, tocca questioni principali della critica della politica e dello stato moderno. Sebbene sia stato molto ampiamente letto, discusso e criticato, il saggio di Marx sulla questione ebraica non è stato mai pubblicato insieme ai testi con i quali esso polemizza, i due scritti di Bruno Bauer che vengono qui presentati al lettore italiano. Bauer non è solo un pensatore politico importante e originale; le sue riflessioni sulla Rivoluzione francese e sull'emancipazione politica costituiscono un termine di riferimento senza il quale anche la comprensione del pensiero di Marx su questi temi resta debole e insufficiente.
15,00
Leggendaria

Leggendaria

editore: Manifestolibri

pagine: 72

Un approccio laico alla spiritualità, con interventi di Vandana Shiva, Barbara Duden, Diane Rizzetto, Rita El-Kayat, Margot Ba
10,00
Città di quarzo. Indagando sul futuro a Los Angeles

Città di quarzo. Indagando sul futuro a Los Angeles

di Mike Davis

editore: Manifestolibri

pagine: 413

Luogo mitico dell'immaginario postmoderno, laboratorio incandescente di un futuro che affascina o atterrisce, Los Angeles, la città di quarzo, è come un prisma in cui si rifrangono le mille contraddizioni della megalopoli contemporanea, polietnica e polilinguistica. "A Los Angeles tutto si mette insieme": la violenza delle gang giovanili e l'industria high-tech di Silicon Valley, la sperimentazione di nuovi linguaggi interculturali e la sindrome da fortezza assediata, Hollywood e l'apartheid strisciante ma implacabile, il ghetto e la rivolta. Mike Davis traccia con questo libro una straordinaria enciclopedia della metropoli postmoderna che ci riguarda tutti da vicino. Perché "Los Angeles è già dappertutto". Divenuto ormai un libro di culto per tutti gli studiosi della metropoli, un classico dell'urbanistica e della sociologia e il modello di infinite ricerche che ne hanno ricalcato le orme, "Città di quarzo" viene qui riproposto con una nuova introduzione dell'autore.
32,00
Guerra e democrazia

Guerra e democrazia

editore: Manifestolibri

pagine: 170

Guerra e democrazia non solo convivono in una drammatica attualità ma costituiscono anche i due aspetti di un problema decisivo; le possibilità stesse di una nuova democrazia che sia espressione del comune, una democrazia che sia il governo di tutti, si devono confrontare con lo stato permanente di guerra - che produce continuamente nemici esterni ed interni - nel quale ci troviamo immersi. Un folto gruppo di studiosi impegnati nel rinnovamento del pensiero e delle pratiche politiche si cimentano, in questo volume collettivo, con la crisi della democrazia rappresentativa, con le trasformazioni della sovranità nel mondo contemporaneo, con i soggetti conflittuali generati dalla globalizzazione e dalle nuove forme dello sfruttamento e della guerra come strumento dell'ordine globale. Alla ricerca di una nuova definizione di democrazia che tenga presenti le trasformazioni del lavoro e delle relazioni sociali in una società caratterizzata dalla centralità dell'informazione e del sapere.
10,00
La fine dell'utopia

La fine dell'utopia

di Marcuse Herbert

editore: Manifestolibri

pagine: 158

Pochi testi come questa discussione del filosofo francofortese con gli studenti della Libera Università di Berlino Ovest resti
16,50
Scacco al maratoneta

Scacco al maratoneta

di Flavio Pagano

editore: Manifestolibri

pagine: 151

Doping, sudore e sogni nella leggendaria avventura di Dorando Pietri, il maratoneta che nelle olimpiadi del 1908 si vide strappata sul traguardo la vittoria che il mondo intero gli aveva già riconosciuto. Cosa può accadere se un piccolo pasticciere veloce come il vento, l'inventore di Sherlock Holmes e un indiano della tribù Onondaga si incontrano sul percorso di una maratona olimpica? Di tutto. Questo racconto ricostruisce metro per metro, goccia di sudore per goccia di sudore una sfida dove, nella più entusiasmante disciplina olimpica, campioni leggendari si affrontano in una lotta silenziosa, solitaria e spietata come una partita a scacchi. Perché la maratona è una gara infinita con se stessi prima che con gli avversari, dove ognuno deve saper costruire la propria strada, che sarà imprevedibile come il cammino stesso della vita.
14,00
Talkin' China

Talkin' China

di Angela Pascucci

editore: Manifestolibri

pagine: 156

Nei suoi viaggi in Cina Angela Pascucci, inviata del manifesto, discute con diversi intellettuali e protagonisti della società civile i problemi dello sviluppo e della democrazia, del libero mercato e delle disuguaglianze, dei nuovi costumi e delle tradizioni consolidate di una società che si trasforma a ritmi vertiginosi. Dall'avvocato dei dissidenti, al migrante povero che arriva a Pechino. Dagli accademici agli artisti ai nuovi ricchi della city di Shangay. Un ritratto vivace e sorprendente del paese in cui si gioca il futuro del pianeta.
14,00
Il fallimento di Gorbaciov

Il fallimento di Gorbaciov

di Osvaldo Sanguigni

editore: Manifestolibri

pagine: 277

Nel novantesimo anniversario della Rivoluzione d'Ottobre, e a più di vent'anni dell'inizio della Perestrojka, questo libro propone un'analisi documentata del fallimento del riformismo gorbacioviano, e del definitivo crollo dell'Unione Sovietica. Ripercorre poi gli esiti economicamente disastrasi e politicamente autoritari che ne sono scaturiti. Basandosi su una documentazione ricchissima, il volume ricostruisce le tappe, i limiti e i fallimenti della politica gorbacioviana dal 1985 al 1991, rivelandone aspetti del tutto sconosciuti e mostrando i limiti di analisi e di capacità di previsione che la condannarono all'insuccesso.
15,00
La dialettica negativa di Adorno

La dialettica negativa di Adorno

editore: Manifestolibri

pagine: 192

Come leggere oggi l'opera più importante e difficile di Theodor Adorno? Quella "Dialettica negativa" in cerca di una breccia nel tessuto onnicomprensivo del dominio, ma quantomai attuale in un mondo funestato dalla guerra. Un folto gruppo di studiosi si cimenta con questo testo decisivo della filosofia del "dopo Auschwitz" indagandone i molteplici aspetti, le ampie connessioni con la cultura del secondo Novecento, e i suoi possibili sviluppi nella contemporaneità.
28,00
Cristianesimo ribelle

Cristianesimo ribelle

di Enzo Mazzi

editore: Manifestolibri

pagine: 190

Il cristianesimo è geneticamente ribelle verso tutte le forme di alienazione e in particolare nei confronti del dominio del sacro. Dall'età di Costantino c'è stata una modificazione genetica nell'assetto istituzionale ecclesiastico. Ma una linea di fedeltà al carattere ribelle del primo cristianesimo è stata mantenuta, pur con fatica e contraddizioni fino ad oggi da movimenti, correnti di pensiero critico e comunità di base. Attingendo alla propria esperienza elaborata e vissuta all'interno di una rete di relazioni comunitarie aperte, specialmente a partire dall'anima profonda del sessantotto, l'autore analizza il processo storico di liberazione dal dominio del sacro e, con molti interrogativi irrisolti, vede l'esistenza personale e della storia come tracciato non sempre lineare ma dotato di senso, passo dopo passo: dalla schiavitù al riscatto, dalla oppressione alla liberazione, dalla alienazione alla responsabilità, dalla sacralità come dominio esterno alla sacralità intrinseca al tutto, dall'angoscia per la finitezza dell'esistenza, all'accettazione fondamentalmente gioiosa del "nulla creativo" che ci avvolge.
20,00
Nord operaio. Lavoratori, sindacato, politica tra globalizzazione e territorialità

Nord operaio. Lavoratori, sindacato, politica tra globalizzazione e territorialità

editore: Manifestolibri

pagine: 126

Un'indagine a più voci sugli orientamenti culturali e di senso comune che hanno reso il lavoro funzionale all'interesse esclusivo dell'impresa, riducendolo all'irrilevanza nella società e nella politica. Un'analisi delle difficoltà e del passaggio decisivo cui è pervenuta la rappresentanza del lavoro, e dei nessi che la legano alla crisi della democrazia, al declino della politica, all'involuzione del Paese. Un'inchiesta sulla rappresentazione che le lavoratrici e i lavoratori hanno di se medesimi, sulla realtà e sulla svalorizzazione del lavoro nelle sue diverse componenti materiali e immateriali.
14,00
Leggendaria

Leggendaria

editore: Manifestolibri

pagine: 56

"Memorie personali, memorie private, memorie politiche e collettive: in un periodo in cui le speranze di futuro sembrano ammut
8,00