Il tuo browser non supporta JavaScript!

Antropologia

Antropologia del dolore

di Le Breton David

editore: Meltemi

pagine: 238

Il dolore è un'esperienza forzata e violenta dei limiti della condizione umana
19,50

L'invenzione dell'Africa

di Mudimbe Valentin Y.

editore: Meltemi

pagine: 319

Qual è il significato dell'Africa e dell'essere africani? Cos'è la filosofia africana e cosa invece non è? La filosofia è part
24,00

Incontri etnografici

Processi cognitivi e relazionali nella ricerca sul campo

 

editore: Meltemi

pagine: 237

Il metodo etnografico - la descrizione e l'interpretazione dei fenomeni culturali a partire dall'osservazione diretta sul camp
19,50

L'Africa che canta la vita. Vita da africani dalla giovinezza alla morte serena attraverso i proverbi

di Jonas Shamuana Mabenga

editore: Edup

pagine: 188

Se "L'Africa che canta la vita" è in Italia una delle opere più lette e più richieste, quanto alle fonti di cognizione dell'universo negro-africano, è perché dall'anno 2000 il continente africano è tornato alla ribalta in quanto terra di missione, delle nuove missioni, delle ennesime missioni di civilizzazione. In questo volume terzo della seconda edizione, l'autore esamina, scopre e rivela cosa gli africani di diverse tribù ed etnie pensano delle vicende riguardanti le virtù ed i vizi che devono caratterizzare un uomo o una donna per essere apprezzati nelle loro comunità. Inoltre si scopre cosa gli africani pensano dell'intelligenza dell'uomo e del suo valore nella società, di valori come la bellezza, il rispetto e la protezione delle persone socialmente svantaggiate come i bambini, i malati, i vedovi, gli orfani, gli stranieri, gli anziani. L'autore informa i lettori sul pensiero degli africani riguardanti i temi caldi come la vecchiaia, la malattia, la morte e la vita dopo la morte. Si tratta di uno studio che apre la strada a ricerche più approfondite sull'africanologia etica, politica, estetica, metafisica e teologica.
12,00

In carne e ossa

DNA, cibo e culture dell'uomo preistorico

 

editore: Laterza

I più recenti studi sull'evoluzione umana hanno sovvertito la ricostruzione accettata finora: oggi si sa che le specie non si
22,00

L'Africa che canta la vita

La cultura africana fra tradizione e modernità attraverso i proverbi

di Shamuana Mabenga Jonas

editore: Edup

pagine: 360

Nel 2000 l'Africa è ritornata alla ribalta in quanto terra di missione, delle nuove missioni, delle ennesime missioni di civil
12,00

Alla scoperta del Tassili

di Lhote Henri

editore: Robin

pagine: 364

Il resoconto della spedizione archeologica che Lhote affrontò negli anni '50 nel deserto del Tassili
16,00

Manuale di geografia del turismo. Dal grand tour ai sistemi turistici

di Lorenzo Bagnoli

editore: UTET Università

pagine: 173

Ormai il turismo è talmente entrato a far parte dei comportamenti umani da rappresentare un'abitudine, un dato scontato. Ma che cos'è, in definitiva, il turismo? Per quanto si tratti di un fenomeno attuale e che ci coinvolge tutti, non c'è una definizione comune, come non c'è accordo sulle sue caratteristiche preminenti. Inoltre, se fino a un paio di decenni fa il turismo era essenzialmente riconducibile alla vacanza stanziale, indotta da un desiderio di evasione, oggi conosce una varietà di modi, di forme e di motivazioni in continuo aumento e mutamento: il viaggio culturale, il trekking d'avventura, il tour enogastronomico, i viaggi della terza età, la vacanza studio e molti altri ancora. Questo manuale di geografia del turismo presenta una mappatura organica e sistematica della disciplina, ricostruendo come si è andata evolvendo in Italia a partire dagli anni Cinquanta. Ogni aspetto è analizzato, anche attraverso esempi reali e attuali che aiutano il lettore a capire, in modo da restituire un quadro vivo e completo. Si va dalla Torino olimpica fino all'Agliè di Elisa di Rivombrosa, per mostrare e dimostrare come si possano adattare, modificare e trasformare i luoghi, e soprattutto i modi in cui vengono presentati, in funzione della domanda dei turisti. Un libro prezioso per capire come valorizzare al meglio una delle risorse più importanti del nostro Paese.
18,00

Atlantide

Breve storia di un mito

di Vidal-Naquet Pierre

editore: Einaudi

Questa è una lunga storia, che ha inizio verso il 355 a
18,00

Sciamani

di Hancock Graham

editore: Corbaccio

pagine: 674

Fino a 50
24,90

Armi, acciaio e malattie

Breve storia del mondo negli ultimi tredicimila anni

di Diamond Jared

editore: Einaudi

Perché gli europei hanno assoggettato gran parte degli altri popoli? Secondo Diamond le diversità culturali affondano le loro
13,50

Alla ricerca del vero e del giusto

di Germaine Tillion

editore: Medusa Edizioni

pagine: 348

Germaine Tillion, grande studiosa delle culture e dell'antropologia, venne deportata a Ravensbrück nel 1942; sopravviverà, e sarà testimone anche degli orrori della Guerra d'Algeria. Nei suoi libri sull'esperienza dell'olocausto oppone al famoso concetto di Hannah Arendt di "banalità del male" quello di "mediocrità", che sembra essere più adatto a definire la natura umana di fronte al male. A lei Tzvetan Todorov ha riservato un capitolo in "Memoria del male, tentazione del bene" e la dedica del libro recita "Per Germaine Tillion, che ha saputo attraversare il male senza prendersi per un'incarnazione del bene", ed è lo stesso Todorov che firma la prefazione di questo libro in cui ha raccolto conversazioni, saggi e altri scritti sparsi della variegata attività della studiosa francese. Alla prefazione di Todorov seguono i capitoli che riuniscono gli interventi della Tillion sulla Resistenza, la deportazione, i totalitarismi, ma anche gli scritti nati dalle ricerche etnografiche in Algeria (che porteranno alla stesura del libro "L'harem e i cugini") e quelli sui problemi relativi alle scienze umane.
30,00

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice attivare il servizio.