Politica

Il Mulino

Il Mulino

editore: Il mulino

pagine: 696

Nata nell'aprile del 1951, la rivista ha sede a Bologna negli uffici dell'omonima Associazione di cultura e di politica che ne controlla la proprietà. È un bimestrale e i numeri sono rivolti in primo luogo a quelle componenti della società che paiono più interessate a un discorso civile orientato verso una prospettiva di modernizzazione. Questo numero presenta, tra gli altri, gli articoli di: A. Brandolini, C. Saraceno, C. Carboni, G. Berta, M. Emiliani, A. Fiori, F. MArtini, C. Boccadoro.
14,00
La diplomazia. Strumenti e metodi

La diplomazia. Strumenti e metodi

di Enrico Serra

editore: Le Lettere

pagine: 120

Una rapida, ma completa e suggestiva, introduzione ai segreti del mondo della diplomazia. Il libro, offre una originale, sintetica e convincente interpretazione della politica estera dell'Italia contemporanea. Un testo indispensabile per chi voglia conoscere la storia della diplomazia italiana e capire in che cosa consistano il segreto diplomatico, il metodo diplomatico, il linguaggio diplomatico.
15,00
Questo Novecento

Questo Novecento

Un secolo di passione civile. La politica come responsabilità

di Foa Vittorio

editore: Einaudi

Il racconto di Vittorio Foa - protagonista e testimone delle vicende italiane di questo Novecento - ci accompagna dai primi an
14,00
La democrazia americana

La democrazia americana

di Robert H. Wiebe

editore: Il mulino

pagine: 450

Wiebe traccia un resoconto delle vicende ormai bisecolari della democrazia in America portando avanti al tempo stesso una riflessione sui suoi attuali problemi. Nella ricostruzione dell'autore, ciò che ha caratterizzato la democrazia americana dall'inizio dell'Ottocento è, come indica il titolo originale del libro, il "Self-rule", l'autogoverno della comunità e degli individui. La democrazia americana insomma nasce popolare, populista, decentralizzata, con una forte resistenza al potere istituzionalizzato. Questo modello democratico è stato travolto nei decenni a cavallo fra Otto e Novecento dal processo di modernizzazione, che ha portato a una democrazia centralizzata e gerarchica, al proliferare da un lato dei gruppi di pressione e delle lobbies e dall'altro al prevalere di una cittadinanza apatica, individualista ma non partecipativa.
40,00
Bobbio e il suo mondo

Bobbio e il suo mondo

di Paola Agosti

editore: Aragno

9,90
Il nucleare impossibile

Il nucleare impossibile

Perché non conviene tornare al nucleare

 

editore: Utet

Il nucleare impossibile, illustra, attualizzandole, le ragioni per cui, negli anni Ottanta, l'Italia decise di uscire dal nucl
16,00
Come mi batte forte il tuo cuore

Come mi batte forte il tuo cuore

Storia di mio padre

di Tobagi benedetta

editore: Einaudi

pagine: 302

Walter Tobagi è morto il 28 maggio 1980, gli hanno sparato alcuni membri di una semisconosciuta formazione terroristica di sin
19,00
La Gerusalemme rimandata

La Gerusalemme rimandata

Domande di oggi agli inglesi del primo Novecento

di Foa Vittorio

editore: Einaudi

La Gerusalemme rimandata è il primo solido approdo dal quale prende poi slancio la produzione libraria della sua giovanile, lu
28,00
Governo e grandi imprese. La Fiat da azienda protetta a global player

Governo e grandi imprese. La Fiat da azienda protetta a global player

di Luca Germano

editore: Il mulino

pagine: 251

Le grandi aziende stabiliscono collegamenti diretti con governi e pubbliche amministrazioni, condizionandone il processo decisionale. Nonostante l'ovvia rilevanza di tali dinamiche, la scienza politica italiana ha tradizionalmente trascurato gli studi - al cui rilancio questo volume offre un significativo contributo - sui rapporti tra politica e imprese. Prendendo le mosse dalla letteratura sui gruppi di pressione, l'analisi è stata condotta utilizzando un ampio e inedito repertorio di dati sulle politiche di intervento pubblico a favore del "campione nazionale" Fiat. È così delineato il quadro del sostegno governativo all'azienda torinese dagli anni ottanta ad oggi. I legami privilegiati tra la Fiat e lo stato hanno subito una profonda trasformazione con l'accresciuta integrazione dell'economia italiana nel sistema regolativo europeo. Se in un primo momento questi cambiamenti hanno influito negativamente sulle capacità di mercato della Fiat, in seguito essi hanno stimolato positivamente la revisione della strategia competitiva del gruppo, favorendone l'uscita dalla crisi più grave della sua storia e il rilancio internazionale.
22,50