Il tuo browser non supporta JavaScript!

Lindau: Saggi

Sulle strade della fiction

Le serie poliziesche americane nella storia della televisione

di Pastore Roberto

editore: Lindau

pagine: 267

Dopo un inquadramento storico del fenomeno della fiction televisiva americana a partire dagli primissimi anni '50, il libro pa
19,00

Storia del cinema tedesco. Dalle origini alla riunificazione

di Bernard Eisenschitz

editore: Lindau

pagine: 208

La storia del cinema tedesco inizia in concomitanza con le sperimentazioni del "precinema", raggiunge un primo momento cruciale durante Weimar prima e il Terzo Reich dopo (sotto il rigido controllo di Goebbels). Negli anni '60 e '70 fioriscono personalità complesse quali Kluge, Wenders, Fassbinder, Schlòndorff, Straub e Thome, che riportano il cinema nazionale all'attenzione del mondo, per le soluzione stilistiche e le problematiche denunciate.
19,00

Peter Greenaway

di De Gaetano Domenico

editore: Lindau

pagine: 240

II volume ripercorre cronologicamente, per temi e scelte estetiche, l'intera carriera del geniale regista gallese: dai primi e
24,00

Passo uno. L'immagine animata dal cinema al digitale

editore: Lindau

pagine: 158

Il volume di Alonge e Amaducci non è una storia del cinema d'animazione. Si tratta piuttosto di una riflessione teorica sull'animazione, costruita attraverso l'analisi di una serie di opere, tendenze, autori particolarmente interessanti e significativi. La prima parte è incentrata sull'animazione "industriale" dei grandi studios americani, dall'epoca del muto sino ai lungometraggi in digitale, mentre la seconda è dedicata alle diverse correnti sperimentali, dalle avanguardie storiche sino alle esperienze più recenti. Ma in realtà non è possibile tracciare una netta linea di separazione tra i due ambiti, perché i rapporti, gli scambi, le contaminazioni, tra il lavoro delle équipe degli animation departments di Hollywood e quello degli artisti solitari dell'avanguardia (europea e nord-americana) sono stati frequenti e intensi. L'introduzione della tecnologia digitale ha poi rivoluzionato il panorama dell'animazione, mettendo radicalmente in discussione l'opposizione canonica tra cinema dal vero e cinema d'animazione, nonché la stessa nozione di cinema. Questo libro, dunque, prende le mosse dai primi disegni animati degli inizi del XX secolo, per arrivare alla computer grafica degli inizi del XXI, costruendo un percorso articolato in cui si incontrano oggetti tra loro assai diversi: prodotti di consumo e opere d'avanguardia, immagine cinematografica e immagine digitale, tradizione europea e tradizione americana.
16,50

L'idea documentaria. Altri sguardi dal cinema italiano

editore: Lindau

pagine: 380

Attraverso interventi di autori, critici, operatori culturali il testo esplora l'orizzonte documentario del cinema italiano, evidenziandone le potenzialità formali e i paradossi produttivi. Al di là di rassicuranti etimologie pseudoscientifiche, l'idea documentaria costituisce oggi una delle esperienze creative più interessanti per la riflessione sulle nuove forme cinematografiche. Eppure, nonostante risulti luogo di ricerca e di espressione, di impegno e di testimonianza, continua a brillare quale magnifica assenza dai circuiti distributivi e dall'immaginario dello spettatore. Dopo il "cinecidio" degli anni '80, mentre la grancassa di "realtà televisive" completava la riduzione antropologica del cittadino italiano, il documentario ha rischiato l'estinzione: oggi la situazione sta lentamente cambiando ma mancano ancora referenti istituzionali capaci di promuovere adeguate politiche culturali. Nonostante tutto una domanda si impone: l'idea documentaria sta forse diventando luogo privilegiato per una più vasta riflessione estetica sul cinema italiano?
32,00

Fritz Lang

Metropolis

di Bertetto Paolo

editore: Lindau

pagine: 269

Della grande stagione del cinema muto "Metropolis" è forse il film più famoso, l'unico che è diventato parte integrante dell'i
21,00

Da Caligari a Hitler. Una storia psicologica del cinema tedesco

di Siegfried Kracauer

editore: Lindau

pagine: 512

Uno dei "classici" della storiografia cinematografica, un fondamentale testo di riferimento per la conoscenza dell'evoluzione
38,00

Dal letterario al filmico. Sistema del racconto

di André Gaudreault

editore: Lindau

pagine: 270

Ci sono mille modi di racconatre. Un racconto passa attraverso quella istanza testuale che è il narratore, un altro sembra al contario distillato da colui che l'ha composto, l'autore. Controcorrente rispetto all'ortodossia narratologica in materia, il sistema del racconto su cui si fonda quest'opera pone, indifferentemente dai casi, un'istanza intermedia, il narrator, situata tra l'autore e il suo testo narrativo, che sarebbe fondamentalmente responsabile della comunicazione narrativa. Gaudreault analizza in questo suo saggio le pratiche narrative del romanziere, del drammaturgo e del cineasta, nella prospettiva di una «narratologia dell'espressione», allo scopo di gettare nuova luce sui principi essenziali del racconto. Una rilettura della «Repubblica» di Platone e un riesame «casi» divenuti classici della narratologia permettono di definire i due modi fondamentali della comunicazione narrativa: la narrazione e la mostrazione.
24,00

Dizionario teorico e critico del cinema

editore: Lindau

pagine: 381

Da oltre trent'anni, il cinema è divenuto oggetto di ricerca, studio, insegnamento
26,00

Tim Burton

di Baecque Antoine de

editore: Lindau

pagine: 172

Tim Burton è ormai considerato uno dei registi più importanti del cinema contemporaneo
18,50

Storia del cinema indiano

di Aime Elena

editore: Lindau

pagine: 272

Con una produzione di circa 800 film all'anno, quella indiana è una delle cinematografie più prolifiche del mondo
19,50

Andy Warhol

Il cinema della vana vita

di Melanco Mirco

editore: Lindau

pagine: 173

La produzione cinematografica di Warhol è una dell'espressioni più tipiche e interessanti dell'underground statunitense
19,50

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.