Il tuo browser non supporta JavaScript!

Mondadori Electa: Madeleines

Pellegrino Artusi. Il fantasma della cucina italiana

di Alberto Capatti

editore: Mondadori Electa

pagine: 216

Poiché Pellegrino Artusi amava i libri, e li ascoltava, questa biografia, riassunto della sua vita vissuta e di quella da noi
17,90

Guerra guerra guerra. Trent'anni di conflitti, vita e morte nelle parole e nelle emozioni di due reporter

editore: Mondadori Electa

pagine: 254

Da più di trent'anni, i giornalisti Fausto Biloslavo e Gian Micalessin raccontano le guerre di tutto il mondo
24,90

Bella zio. Il romanzo di formazione di Beppe Bergomi

di Andrea Vitali

editore: Mondadori Electa

pagine: 236

A 16 anni Beppe Bergomi, con quei folti baffi, sembrava già un adulto: lo chiamavano "zio" e tale è rimasto nella memoria dei
17,90

Un respiro lungo e via

di Leonardo Cecchi

editore: Mondadori Electa

pagine: 161

Lorenzo ha sempre sognato di fare l'attore, sin da piccolissimo
16,90

#Formentera14

di Gabriele Parpiglia

editore: Mondadori Electa

pagine: 276

Baleari: Formentera
16,90

Un battito d'ali

di Sveva Casati Modignani

editore: Mondadori Electa

pagine: 163

Sveva è inginocchiata nel suo giardino, intenta a sradicare le erbe infestanti
16,90

Byron. Storia del cane che mi ha insegnato la serenità

di Boralevi Antonella

editore: Mondadori Electa

pagine: 179

Dei sessanta milioni di animali domestici presenti nellc case italiane, sette milioni sono cani
16,90

Gli sbafatori

di Baresani Camilla

editore: Mondadori Electa

pagine: 134

Rosa è una giovane foodblogger simpatica e maldestra
16,90

Un bambino piangeva

di Nove Aldo

editore: Mondadori Electa

pagine: 145

C'è un filo conduttore che lega tutte le opere di Aldo Nove, una spiritualità costante e mutevole: la preghiera, a volte sussu
14,90

Quando il mondo era in ordine

di Isabella Bossi Fedrigotti

editore: Mondadori Electa

pagine: 114

"Quando il mondo era in ordine" si faceva tutto in casa, marmellate e conserve, burro e ricotta. Si seguiva il ritmo della natura con le verdure dell'orto, le mele, le noci e i fichi della campagna, le uova e la carne del pollaio. Quand'era stagione di caccia si andava per boschi, non per il gusto del trofeo, ma perché serviva al fabbisogno alimentare della famiglia. I bambini protagonisti di questo racconto vivono in una grande casa, centro di una prospera attività vinicola, ai piedi delle montagne. Rispetto ai loro compagni di scuola e di giochi - che in quel contesto di campagna sono i figli di contadini, artigiani e bottegai del paese - crescono in un ambiente privilegiato. Eppure la loro famiglia, di nobili origini, coltiva lo stile di vita semplice, austero, di chi aborrisce lo spreco e riconosce l'importanza delle piccole cose. Ed è proprio l'attaccamento a quelle usanze e consuetudini, giudicate dai più eccentriche e desuete, a fare sentire i bambini "diversi" dai loro coetanei, al punto da invidiarli un po'. Il lettore non tarderà a riconoscere in queste pagine, che l'autrice ha "inventato dal vero", delle tracce autobiografiche. Talvolta neppure lei sa con precisione dove corre il confine tra realtà e fantasia. Poco importa del resto per chi legge: questo libro intriso di atmosfere lievi, suggestive, ci racconta un'epoca, un mondo di cui oggi non c'è più traccia.
14,90

La mia vita fatta in casa

di Molly Wizenberg

editore: Mondadori Electa

pagine: 360

La vita di Molly Wizenberg, come quella di molti di noi, è indissolubilmente legata a un luogo particolare. Un luogo che tutti noi viviamo intensamente, spesso senza rendercene conto, il centro affettivo della casa, palcoscenico popolato dai nostri affetti, dalle persone care che abbiamo conosciuto e spesso perduto, un luogo dove gioia e dolore si dividono il posto più importante: la cucina. Molly è cresciuta lì, giocando con pentole e cucchiai sotto l'occhio vigile della madre, e appena ha raggiunto l'altezza necessaria a usare il piano di lavoro, non lo ha più abbandonato. Cucinare è stata ed è tuttora la sua grande passione, un'azione rassicurante a cui non ha più rinunciato. Molly non è uno chef: per lei cucinare è un atto intimo, affettivo, una barriera che la protegge dalle insidie del mondo, un modo per vivere e affrontare gioie e dolori dell'esistenza. Ogni avvenimento della vita, dal più drammatico, come la morte dell'amatissimo padre, al più felice, è indissolubilmente legato, nella sua memoria, a un piatto, una pietanza per corpo e spirito, che nel racconto di Molly diventa una pietra miliare della memoria. Le ricette accompagnano la lettura intrecciandosi al racconto autobiografico e costituendosi, pagina dopo pagina, come un'autobiografia alternativa e inconsueta, fatta di creme al cioccolato e dolci deliziosi, salse, sughi e insalate. Un modo diverso di raccontarsi.
16,90

Il bacio di Giuda

di Casati Modignani Sveva

editore: Mondadori Electa

pagine: 140

Milano, 1945
14,90

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.