Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Lettere dal carcere

Lettere dal carcere
titolo Lettere dal carcere
Autore
Curatore
Argomento Diritto, Economia e Politica Politica
Collana Einaudi tascabili. Biblioteca
Editore Einaudi
Formato
libro Libro
Pagine 1160
Pubblicazione 2023
ISBN 9788806258689
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
25,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
«"Lettere dal carcere" è un libro unico. Forse interminabile. È un libro postumo, la cui prima edizione ho sotto mano, un libro di famiglia, come lo è per non poche famiglie italiane. La sua storia, come spiega Francesco Giasi nell'introduzione, inizia il giorno dopo la morte del suo autore, avvenuta a Roma il 27 aprile 1937. La prima edizione contava 218 lettere. Qui sono 511. È la storia personalissima di un pensiero conteso fra logiche di apparato, libertà di visione, dolore e tenacia di impegno. Le lettere corrono parallele alla stesura dei "Quaderni del carcere", che rappresentano a loro volta una delle vette del pensiero saggistico italiano del Novecento, tradotti e studiati in tutto il mondo. Ne costituiscono il parallelo esistenziale e, forse, la premessa e la condizione. In tutte le sue edizioni, per merito dei o nonostante i suoi curatori, "Lettere dal carcere" è sempre apparso al suo lettore non come un libro-archivio, ma come un'opera compiuta e autonoma, perché autoritratto di un pensiero vivente nel suo divenire, nel suo dispiegarsi, ma anche nella sua novità radicale. L'ultima lettera della prima edizione (qui 442) era diretta al figlio Delio: "... mi sento un po' stanco e non posso scriverti molto. Tu scrivimi sempre e di tutto ciò che ti interessa nella scuola. Io penso che la storia ti piace, come piaceva a me quando avevo la tua età, perché riguarda gli uomini viventi e tutto ciò che riguarda gli uomini, quanti più uomini è possibile, tutti gli uomini del mondo in quanto si uniscono tra loro in società e lavorano e lottano e migliorano se stessi non può non piacerti più di ogni altra cosa. Ma è così?" Non da ultimo, "Lettere dal carcere" è un libro fondativo della casa editrice Einaudi e delle generazioni che si sono susseguite a interpretarla nel corso degli anni e delle epoche. L'intenzione e la "posizione" delle "Lettere", come pochi altri libri, fanno la casa editrice, compreso quell'ultimo interrogativo, passo essenziale anche del pensiero di Antonio Gramsci: "Ma è così?"» (Ernesto Franco)
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.