Il tuo browser non supporta JavaScript!

Una rosa che ho piantato. Antologia delle lettere ai famigliari

Una rosa che ho piantato. Antologia delle lettere ai famigliari
titolo Una rosa che ho piantato. Antologia delle lettere ai famigliari
Autore
Argomento Diritto, Economia e Politica Politica
Collana I libri della Salamandra, 10
Editore Compagnia editoriale aliberti
Formato Libro
Pagine 112
Pubblicazione 2021
ISBN 9788893233996
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
11,90
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Questa selezione di Lettere dal carcere di Antonio Gramsci intende essere un omaggio della collana "La Salamandra" al centenario della fondazione del Pcd'I (Partito Comunista d'Italia, poi no, Partito Comunista Italiano, 1921). Si è scelto di proporre al lettore un testo altamente significativo, legato in maniera forse non diretta alla storia politica del partito, ma certamente a quella umana, civile e culturale di uno dei suoi grandi protagonisti. Sono qui raccolte le lettere che Gramsci scrisse ai figli Delio e Giuliano (spesso nominati con i diminutivi-vezzeggiativi alla russa) e alcune missive indirizzate alla moglie Julia, alla cognata Tatiana, alla madre di Gramsci in cui si parla dei figli e della loro educazione. La scelta è stata condotta secondo un criterio di rappresentatività, che desse conto non solo del risvolto biografico ed esistenziale, ma anche della profondità delle intuizioni educative gramsciane, che traspaiono in queste lettere con la voce amorevole e dolente di un padre lontano dai propri figli. Ne emerge un Gramsci padre "presente", si direbbe oggi, pur nella distanza fisica, e un educatore attento, che vuole vivere ogni istante della crescita dei suoi ragazzi stimolandone l'intelligenza e la fantasia: ovvero, in altre parole, la libertà di pensiero.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.