Il tuo browser non supporta JavaScript!

Parola d'ordine: proteggere. La mia vita in difesa degli altri

novità
Parola d'ordine: proteggere. La mia vita in difesa degli altri
titolo Parola d'ordine: proteggere. La mia vita in difesa degli altri
Autore
Argomento Letteratura e Arte Narrativa
Collana Nuovo Cammeo, 673
Editore Longanesi
Formato Libro
Pagine 224
Pubblicazione 2022
ISBN 9788830458901
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
18,60
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Tra la fine degli anni Novanta e l'inizio degli anni Duemila, l'Italia e il mondo intero scoprono una scioccante verità: il terrorismo esiste ancora, si è evoluto e, soprattutto, è più pericoloso che mai. Nel mirino ci sono personalità di spicco - politici, giornalisti, magistrati -, ma anche i semplici cittadini colpiti dagli attentati dei terroristi islamici, come quello alle Torri Gemelle. In Italia, le Nuove Brigate rosse uccidono a Bologna il professor Massimo d'Antona, consulente del Ministero del lavoro. E pochi anni dopo colpiscono ancora, freddando a colpi di pistola il professor Marco Biagi, eminente giuslavorista. Con lo scopo di contrastare l'ondata di violenza, viene istituito l'Ucis, l'Ufficio centrale interforze per la sicurezza personale, specializzato nella tutela e nella protezione degli obiettivi sensibili non solo in patria, ma anche all'estero. E il Comandante Alfa viene nominato responsabile dell'addestramento dei militari provenienti dalla Marina, dall'Esercito e dall'Aeronautica che entreranno a far parte delle scorte per tutelare la vita dei possibili bersagli delle mafie e dei terroristi di qualunque colore. Il Comandante Alfa rivela in questo libro le tecniche di protezione, gli addestramenti e i personaggi protetti (dal pm Nino Di Matteo sino ad Hamid Karzai, presidente dell'Afghanistan), riesamina i casi del passato (come la morte di Aldo Moro e l'uccisione del Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa), rievoca gli agguati evitati e le terribili sconfitte subite, come l'attentato di Nassiriya. E spiega tutte le difficoltà che si incontrano nel tentativo di scongiurare attacchi spesso imprevedibili senza che per questo venga meno quel giusto equilibrio tra le esigenze della sicurezza e quelle della quotidianità. Con la continua consapevolezza di dover essere sempre pronti all'estremo sacrificio: morire per salvare la vita degli altri.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.