Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Luoghi etruschi

Luoghi etruschi
titolo Luoghi etruschi
Autore
Traduttore
Argomento Letteratura e Arte Narrativa
Collana La quarta prosa
Editore Neri Pozza
Formato
libro Libro
Pagine 142
Pubblicazione 2023
ISBN 9788854526884
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
17,00
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
Nell'aprile del 1927, D.H. Lawrence, che abitava con la sua compagna Frieda Weekley a villa Mirenda a Scandicci, intraprende con l'amico Earl Brewster un appassionato pellegrinaggio nei luoghi etruschi. Partendo da una visita al museo di Villa Giulia a Roma, i due amici raggiungono Cerveteri, Tarquinia, Vulci e Volterra. Il resoconto di questo viaggio rimasto incompiuto (Lawrence si proponeva di visitare anche Chiusi, Cortona, Civita Castellana, Norchia, Vetulonia, Bieda - l'attuale Blera) fu pubblicato un anno dopo la sua morte, nel 1932. Il libro, snobbato dagli etruscologi e poco letto in Italia, è ben altro che un libro di viaggio e contiene, forse più dei romanzi, l'espressione più viva e articolata della sua visione del mondo. Nelle pitture delle tombe di Tarquinia, nelle necropoli tagliate nella roccia, nelle pareti scolpite di peperino che precipitano a picco su un corso d'acqua, il suo sguardo non cercava soltanto opere d'arte o testimonianze di una grande cultura dimenticata. Lawrence - così lo descrive Rebecca West - viaggiava «in una sorta di estatica agonia», cercando quella «visione apocalittica dell'umanità» che era la sola cosa che gli interessasse. In questione in questo libro straordinario non è, come si continua stancamente a ripetere, l'esaltazione del sesso e della sensualità da parte di un malato ormai impotente: Luoghi etruschi è in verità un visionario messaggio politico, in cui ogni parola è rivolta contro quella «forza distruttrice dell'anima» che Lawrence descrive nell'Apocalisse pubblicata l'anno stesso delle sua morte: «Lo stato cristiano moderno è una forza distruttrice dell'anima, perché è formato di frammenti che non hanno un'interezza organica, ma solo un insieme collettivo... Una democrazia non può non risultare oscena, perché composta di miriadi di frammenti disuniti, ognuno dei quali pretende di assumere per sé una falsa interezza, una falsa individualità.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.