Il tuo browser non supporta JavaScript!

Heidegger e gli ebrei. I «Quaderni neri»

Heidegger e gli ebrei. I «Quaderni neri»
titolo Heidegger e gli ebrei. I «Quaderni neri»
autore
argomento Storia, Religione e Filosofia Filosofia
collana Saggi. Filosofia
editore Bollati Boringhieri
formato Libro
pagine 367
pubblicazione 2016
ISBN 9788833927367
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
20,00
 
Compra e ricevi in 5/10 giorni
Perché Martin Heidegger ascrive agli ebrei l'oblio dell'Essere? Qual è allora il rapporto tra l'Essere e l'Ebreo? In che senso viene imputata agli ebrei la colpa più grave, da cui dipende il destino dell'Occidente? E perché questa accusa viene mossa negli anni trenta, dopo le leggi di Norimberga (1935), mentre inizia la guerra planetaria che dovrebbe condurre la Germania nazionalsocialista al dominio del mondo? "I Quaderni neri" di Heidegger oltre a dischiudere un'inedita prospettiva sul pensiero del filosofo, hanno suscitato un nuovo, intenso dibattito. L'antisemitismo metafisico solleva inquietanti interrogativi e rinvia alla responsabilità della filosofia nello sterminio. A un anno dalla prima edizione di questo libro, già più volte ristampato, Donatella Di Cesare prende in considerazione gli ultimi "Quaderni neri", che giungono fino al 1948, interpretando i passi e gli aforismi sulla Shoah e sull'immediato dopoguerra.
 

Biografia dell'autore

Donatella Di Cesare

Donatella Di Cesare è professore ordinario di Filosofia teoretica alla Sapienza di Roma e ha insegnato in numerose università in Germania e negli Stati Uniti. È nel direttivo della International Wittgenstein-Society e vicepresidente della Heidegger-Gesellschaft. Tra le sue ultime pubblicazioni in italiano: Grammatica dei tempi messianici (2011), La giustizia deve essere di questo mondo. Paesaggi dell’etica ebraica (2012) e Se Auschwitz è nulla. Contro il negazionismo (2012).

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.