Il tuo browser non supporta JavaScript!
Vai al contenuto della pagina

Cuori contro. Le ferite sempre aperte di una stagione di piombo

Cuori contro. Le ferite sempre aperte di una stagione di piombo
titolo Cuori contro. Le ferite sempre aperte di una stagione di piombo
Autore
Argomento Diritto, Economia e Politica Politica
Editore Solferino
Formato
libro Libro
Pagine 496
Pubblicazione 2023
ISBN 9788828210849
 

Scegli la libreria

Prodotto al momento non ordinabile.
Vuoi essere avvisato quando sarà disponibile?
20,50
 
Compra e ricevi in 2/3 giorni
«C'è da fare una cosa» dice Roberto Grassi ai suoi compagni, studenti appartenenti a un'organizzazione di sinistra extraparlamentare, in una mattina del 1975, e quella «cosa» è sprangare Sergio Ramelli, fino a ucciderlo. Sei anni più tardi, Roberto Grassi si suicida nel suo appartamento milanese, gravato dal peso di quelle parole e di quel gesto, e un cerchio, uno solo, si chiude. Ma sono molti di più quelli rimasti aperti, le storie degli anni di piombo senza morale, senza risposta e senza giustizia: i delitti della destra eversiva e della sinistra rivoluzionaria, le vite perdute degli irriducibili rossi e neri. Storie catartiche o inquietanti, storie di estremisti e terroristi ma anche di madri, sorelle e fratelli delle vittime, che per decenni hanno attraversato un dramma personale e pubblico, tentando di far luce sulla verità. Luca Telese raccoglie in questo libro le testimonianze e i documenti, entra negli eventi e nei processi, analizza le azioni, le reazioni e le interpretazioni dei fatti di sangue della nostra più recente guerra civile. E non fa sconti ai silenzi e ai revisionismi, perché oggi che i protagonisti di quegli anni scompaiono, oggi che il passato prossimo diventa storia, oggi che la cronaca continua a restituirci usi strumentali di tragedie mai chiarite né elaborate, «indagare nella zona grigia dove tutto rischia di confondersi è forse più utile di ieri». Così, come il suo predecessore "Cuori neri", questo è un libro che non finisce: impossibile da chiudere. «La memoria degli anni di piombo è un organismo vivo, continuamente in evoluzione», scrive l'autore. E scriverla, riscriverla, ricomporla è il dovere civile di una nazione.
 

Inserire il codice per il download.

Inserire il codice per attivare il servizio.